Skip to content

OT VIII – “LA VERITA’ RIVELATA” ED IL TRASCENDERE

19 gennaio 2013

243753_t607

Marty Rathbun ci offre uno dei capitoli più importanti del suo libro “COSA C’E’ DI SBAGLIATO IN SCIENTOLOGY” nel quale ci fornisce informazioni dettagliate sul lavoro di Hubbard in relazione ai massimi livelli OT disponibili.

Argomenti trattati in precedenza ma che in questo articolo danno una visione completa di che cosa ci sia  alla fine del Ponte che sta aspettando qualsiasi Scientologist.

Lo Scientologist sarà messo di fronte ad una scelta, secondo Marty, e quella decisione determinerà la sua libertà o la sua schiavitù futura.

Buona lettura,

CAMILLO BENZ

Trascendi o Discendi

All’evento per il funerale di L. Ron Hubbard tenutosi nel 1986, argomento trattato nel Capitolo 12, Pat Broeker annunciava che OT 9 e OT 10 erano stati completamente scritti e finiti da Hubbard e che si era pronti per il loro rilascio.  Quella era una bugia bella e buona.

Venti anni più tardi, David Miscavige raccontò ad un certo numero di Scientologist, che ne compongono la sua elite come finanziatori, che  L. Ron Hubbard aveva scritto e completato OT 9, OT 10, OT 11, OT 12, OT 13, OT 14 and OT 15.  E quella era una bugia enorme.  L’ultimo livello OT che L. Ron Hubbard aveva scritto è stato OT 8.  Dopo di quello morì.

Pat Broeker usò la minaccia che non avrebbe mai fatto avere questi presunti OT 9 e OT 10 nel tentativo di costringere  Miscavige a lasciare che fosse lui ad esercitare il controllo sulla Scientology Inc. Io feci parte di tre diverse irruzzioni dirette da Miscavige che avevano come scopo la ricerca ed il ritrovamento di questi presunti OT 9 e 10 nel covo di Broeker.  Ma ogni volta ne uscimmo a mani vuote, ed alla fine arrivammo alla conclusione che non esistevano. E la cosa fu confermata dal più alto dirigente tecnico di Scientology, dopo la morte di Hubbard, un certo Ray Mithoff. Mithoff audì Hubbard nella sua ultima settimana di vita. Mithoff  confermò in mia presenza che Hubbard non disse nulla che potesse lasciar capire che esistessero livelli al di sopra di OT 8, senza parlare poì del fatto che non ha neppure indicato di aver scritto nulla su questi livelli.

Queste bugie enormi ed orrende, sono poi cresciute negli anni, e sono ciò che porta avanti questa truffa religiosa, simile a quella che è stata portata avanti nei secoli, come viene magistralmente descritto da Thomas Paine nel suo libro “L’Età della Ragione.

Per coloro che hanno raggiunto onestamente OT 8, la cosa fa perfettamente senso. Dopo tutto, ad OT8 Hubbard cerca di guidare un individuo verso uno stato o condizione grazie alla quale non debba avere più la minima attenzione fissata su delle identità del passato, oppure qualsiasi aspetto del suo passato, nessuna introversione o regressione. A quel livello, non dovrebbe nemmeno lontanamente esistere il desiderio, oppure l’inclinazione, verso procedimenti introspettivi o pratiche di quel genere.

Un certo numero di persone che hanno completato OT8 sono venute da me, nella speranza che io potessi fornir loro qualche notizia esclusiva su cosa Hubbard avesse detto ci fosse dopo quel livello. La mia risposta di solito era in questi termini: “Per cortesia non invalidare in questo modo te stesso o Hubbard. Pensi che lui sarebbe stato così crudele da costruire un Ponte che arrivasse sino ad un luogo in cui, una volta raggiunto il suo apice, tu eri così poco equipaggiato che dovevi startene attaccato alla ringhiera ad aspettare un qualche prete che ti descrivesse ogni successivo gradino? Ti senti così debole e vulnerabile che non puoi andare avanti e camminare da solo ed iniziare il tuo percorso verso più alti orrizzonti?”

A volte condividevo con loro quanto ho letto in un discorso tra un praticante di Buddismo Zen e il suo Maestro Zen Xuedou:

Qualcuno chiese a Xuedou, “Visto che si dice che, ‘La strada che va oltre non viene trasmessa da nessuno dei saggi .’ Allora da dove l’apprendi?” Xuedou disse, “Pensavo che tu fossi una persona che praticava lo Zen.”

Qualcuno ha manifestato dei dubbi in relazione al fatto che Hubbard non abbia pubblicato qualche cosa di esplicito per far sapere al mondo che OT8 era la fine. La cosa non mi sorprende. In primo luogo, Hubbard esplorava in continuazione e pubblicava in maniera prolifica i risultati delle sue scoperte, e questo lo ha fatto per tutta la vita. Io ritengo che lui abbia esplorato sino alla fine, e se è morto senza aver trovato nulla che fosse stato degno di essere pubblicato durante le sue avventure in tarda età, ritengo che l’ultima cosa che ha pubblicato sia la cosa che lui ha ritenuto degna di essere pubblicata. In secondo luogo, se qualcuno ritiene che OT 8 sia la fine semplicemente perchè è l’ultimo raggiungimento sul Ponte di Scientology, allora significa che sin dall’inizio non stava perseguendo gli stessi fini di Hubbard.

Sentire che o comportarsi in modo da dover essere colui che riceve più conoscenza o essere ad effetto su questo, vorrebbe dire che una persona è caduta in quella trappola che Hubbard ci aveva indicato essere l’educazione formale, e ciò che questa aveva creato sabotando l’intero campo della filosofia:

Spero che nessun uomo cada mai in questa trappola perchè ha bloccato il progresso ed il pensiero umano. La filosofia è diventata un soggetto completamente abbandonato .. e persino in questo momento vengono dati Dottorati in Filosofia nelle Università che richiedono solamente questo da uno studente: che lui conosca quello che hanno detto i filosofi. Ora, questo è una cosa incredibile. Se tu hai un Dottore in Filosofia, ti aspetteresti che quel Dottore in Filosofia fosse in grado di filosofare. I professori di quei corsi sarebbero scioccati enormemente se tu avessi la sfrontatezza di andare lì ed inferire che lo scopo finale dei loro studenti dovrebbe essere quello di produrre della filosofia. No, questo è come tieni una società immobile.

Io ho potuto vedere sia soggettivamente che oggettivamente che questo è esattamente il prodotto creato dalla Scientology corporativa.  Loro creano persone che hanno dedicato tutta la loro vita adulta a studiare e ad audire per raggiungere la capacità di “conoscere come conoscere” (la definizione vera e propria di Scientology), mentre finiscono con il sentirsi perduti,  abbandonati, e senza alcun potere a far nulla eccetto l’inchinarsi servilmente ad un regine fascista, nella speranza che dispensi loro la prossima carota di saggezza.

E così lo Scientologist corporativo non impara mai a mettere veramente in pratica quanto hanno appreso. Invece, imparano ad essere servili e ad aderire a ciò che la Scientolgy Inc. vuole che loro dicano o pratichino.

Una persona che ha raggiunto la vetta di Scientology ha due scelte: trascendere o discendere. Uno può discendere nel pantano che è diventata la Scientology Corporativa. E questo significa che indosserà il ruolo insano della vittima, visto che il marchio dello Scientologist corporativo è quello che sino a che determinate persone, idee o persino interi campi di studio verrano sterminati, Scientology non sarà mai in grado di raggiungere le sue mete. Significa fare in maniera coperta la vittima mentre al contempo devi asserire con grande energia completamente l’opposto, di essere il super eroe dalle certezze incrollabili e che è parte di un gruppo elitario, l’unico a possedere le risposte, e quindi che ha carta bianca nel compiere qualsiasi azione che serva al suo gruppo, utilizzando ogni mezzo che possa essere necessario. E questo include il comportarsi in modo altrui determinato senza lamentarsi così da non incorrere in problemi che possano macchiare il proprio status o immagine. Perchè nel mondo di Miscavige, l’immagine e lo status sono le uniche cose importanti.

Oppure uno può scegliere di trascendere. Trascendere con la capacità che si è sviluppata nell’osservare le cose e pensare con la propria testa. E magari anche usando ciò che si è appreso per aiutare altri a salire e poi andare oltre. Per me, questo include l’usare Scientology per aiutare gli altri a rimuovere la camicia di forza che li mantiene prigionieri a vite serie e piene di dolore. Ogni session di auditing che consegno – a qualsiasi livello del Ponte – non solo risulta in cognition (illuminazioni) per il preclear, ma risulta anche in cognition per me.

Io continuo a studiare e a scoprire e ad usare molte delle cose scritte, da varie sorgenti, che possono funzionare in modo più diretto per far salire un determinato individuo un po’ più in alto di dove si trova. E quegli studi mi portano ad avere un enorme apprezzamento in relazione a ciò che c’è di giusto e che funziona e a ciò che non è corretto e non funziona in Scientology. Ma non voglio dire che questo debba essere quello che dovete fare anche voi, o che debba essere il vostro scopo, o cammino verso vette più alte. Solamente voi potete determinare quello che questo può essere.

Annunci
12 commenti leave one →
  1. amarillo permalink
    19 gennaio 2013 11:10 PM

    Incredibile! Questo è quanto avrei voluto leggere da sempre. E’ quel tassello mancante che avrei voluto/dovuto percepire. Tutto lo sforzo che si sta facendo non fa senso se non si percepisce questa trascendenza. Il vecchio “conoscere come conoscere” che tanto ho usato per spiegare Scientology, in realtà non lo avevo veramente penetrato. Mi è arrivata una profonda consapevolezza del dove si sta andando e come deve essere il percorso.
    Ecco cosa si intende per libertà! E’ come se Marty Rathbun mi avesse audito su un livello OT (sono “solo” Clear, ma posso percepire…). E’ una gioia. Grazie anche a Camillo Benz che ha scelto questo capitolo.

  2. Vanessa permalink
    19 gennaio 2013 11:39 PM

    Finalmente LA VERITA’ RIVELATA sui livelli OT superiori!
    In verità sospettavo che potesse essere così ma….non avevo nessun dato….
    Grazie Marty, grazie Camillo per l’onestà!

  3. pippo permalink
    20 gennaio 2013 9:14 AM

    Mi è piaciuta l’analisi e mi è piaciuto il punto di vista su Hubbard. Concordo sul fatto che Ron, se non l’ha pubblicato, non l’ha neanche scritto…mi piace poco l’ultimo paragrafo. Io non credo che Rathbun mischi altre teorie con Scientology. Se lo facesse, sarebbe stupido…

  4. 20 gennaio 2013 11:08 AM

    Conosco Marty personalmente e sono più di due anni che mi segue come C/S e mai ha mischiato nessuna pratica con la tecnologia standard di Scientology.
    Marty nel suo capitolo scrive :

    Una persona che ha raggiunto la vetta di Scientology ha due scelte: trascendere o discendere.

    E molto chiaro che una persona deve aver raggiunto la “vetta” e quindi deve aver assorbito, sperimentato e beneficiato di tutto quello che i procedimenti di LRH, come indicati sulla carta dei gradi , avevano da offrire.
    Quindi una volta raggiunta questa vetta è un OT VIII si trova esattamente nella posizione di dover scegliere, Discendere o Trascendere.
    Se è ancora all’interno della Scientology Inc. volente o nolente viene fatto DISCENDERE.
    Cosa che io ho sperimentato personalmente ed anche molti altri OT – vieni messi su un Ponte circolare e ti viene fatto rifare tutto quello che avevi già fatto!
    Oppure devi TRASCENDERE.

    Ed anche qui Marty è molto specifico:

    Oppure uno può scegliere di trascendere. Trascendere con la capacità che si è sviluppata nell’osservare le cose e pensare con la propria testa. E magari anche usando ciò che si è appreso per aiutare altri a salire e poi andare oltre. Per me, questo include l’usare Scientology per aiutare gli altri a rimuovere la camicia di forza che li mantiene prigionieri a vite serie e piene di dolore. Ogni session di auditing che consegno – a qualsiasi livello del Ponte – non solo risulta in cognition (illuminazioni) per il preclear, ma risulta anche in cognition per me.

    Quindi Marty mette l’accento sull’utilizzare la propria CAPACITA’ nell’osservare e nel pensare con la propria testa.
    E se si sono sperimentati i benefici che la Standard Tech offre si userà per aiutare altri a salire!

    E poi Marty afferma :

    Io continuo a studiare e a scoprire e ad usare molte delle cose scritte, da varie sorgenti, che possono funzionare in modo più diretto per far salire un determinato individuo un po’ più in alto di dove si trova.

    Questo significa espandere la propria conoscenza, approfondire il soggetto della filosofia, o altri soggetti che possono essere in relazione.
    Marty nel suo Blog ha una sezione dedicata alle letture che lui consiglia che includono titoli come:

    LIFE IS SO GOOD by George Dawson and Richard Glaubman
    The Sociopath next door by Martha Stout
    Man’s Search for Meaning – Viktor Frankl
    Narrative of the Life of Frederick Douglass, An American Slave
    The Autobiography of MALCOLM X
    The Age of Reason by Thomas Paine
    Tao Te Ching

    E ad esempio in relazione a questo ultimo Libro consigliato – Tao Te Ching, Marty fa questo commento:

    I Fattori e gli Assiomi e le verità fondamentali di Scientology derivano dal Tao. LRH ha chiarito questo molto bene nella conferenza “Scientology il Suo Background Generale” che fanno parte della Serie di Phoenix , e lì ha detto, ”…chi lo sà forse se prendessimo il Tao così come è scritto e conoscendo ciò che già sappiamo di Scientology, potremmo semplicemente metterci lì a praticare il Tao, e non sò, ma potremmo ottenere un Theta Clear.”

    Quindi la ricerca, lo studio, serve a trascendere.
    LRH nel suo Ron Journal 68 ha definito in modo netto la differenza tra Scientology “I procedimenti” e Scientology “La Filosofia” e delinea in maniera ESATTA la differenza tra il fare squirrel ed il trascendere:

    “Ora questo è quanto non vi ho fatto notare da un po’ di tempo. Ci sono due branchie di Scientology. Una è la filosofia di Scientology, è una filosofia religiosa, ma è una filosofia e questa è qualcosa che voi utilizzate per elaborare i vostri pensieri, per farvi delle domande, per accettarla o per rifiutarla e l’altra è Scientology la filosofia applicata ed è questa che si applica direttamente al processing. Ora naturalmente c’è molto di più in Scientology oltre al processing. Filosofia significa amore o la ricerca della saggezza o la ricerca per le cause fondamentali ed i principi della realtà. Senz’altro questo esiste nel corpo di conoscenze di Scientology – un grande numero di principi e di cause esisteno oggi in Scientology. Probabilmente è il più grande insieme di lavoro ,scritto e parlato , che sia mai stato intrapreso da qualunque filosofia . Da questo possono essere ottenute molte cose e di questo possiamo dire cose del tipo “quello che è vero per te è vero in Scientology”. Questa è una vasta area di osservazione nelle dottrine umanistiche. E vostra per essere usata per pensare, per lavorarci, accettarla o rifiutarla come crediate sia meglio. E’ ancora lì, ha ancora valore. Non importa quanto sia vecchio il libro, o quanto sia vecchio il nastro, fa comunque parte dell’insieme di Scientology conosciuta come filosofia. Non c’è nulla di autoritario circa la cosa, è vostra per essere accettata o no a secondo di come pensiate sia meglio. E’ Scientology la filosofia. E niente l’ha cambiata.

    Vi invito a leggere il post dell’Indipendologo del 5 Maggio 2010 dove questo viene riportato e ben spiegato:

    https://indipendologo.wordpress.com/2010/05/30/robot-o-filosofi/

    Ritengo questa l’essenza del trascendere.

    • nella permalink
      20 gennaio 2013 12:49 PM

      Bellissimo cio’ che chiarisci Claudio. Ricordo il giorno on cui, tanti anni fa, sono finita on HCO dopo aver detto che gli Assiomi di Scn derivavano dal Tao. La ignoranza della CofS fu tale da farmi risalire la condizione di dubbio. Purtroppo quando una strada religiosa diventa organizzazione politica, e nel caso di DM, politica fascista e soppressiv a, uccide la vera conoscenza e accende la presunzione .

      • Rebecca permalink
        20 gennaio 2013 5:05 PM

        Una cosa simile ma peggio è successa a me per aver detto che LRH stimava Freud!

      • Artista permalink
        20 gennaio 2013 5:35 PM

        Nella…….finalmente tornata 🙂 🙂 🙂 🙂 ….ci sei mancata….

  5. Matteo permalink
    20 gennaio 2013 5:08 PM

    Decisamente questo è uno dei più bei post che abbia mai letto, vero, sincero, onesto e intelligente.

  6. Artista permalink
    20 gennaio 2013 5:34 PM

    bellissimo post,……mi dispiace solo per tutti gli OT che hanno pagato tutti quei migliaia e migliaia di dollari…. e che hanno fatto anni e anni su OT VII con i famosi 6MC,…..come sono stati presi per il c….. e dopo aver sputato pure il sangue per arrivare fino a li……si ritroveranno solo con la speranza di poter continuare prima o poi, magari pure pieni di somatici……questo è il lavoro di un grande SP come Miscavige….pagare per poi trovarsi davanti…. una bugia……

  7. Diana permalink
    20 gennaio 2013 7:47 PM

    Qui il responsabile non è solo Miscavige ma anche il suo complice Pat Brooker che all’event
    della morte di LRH ha detto che Ron ci ha lasciato gli altri livelli OT sopra l’8.
    Bastardi, perchè mentire se non per capitalizzare sulla nostra fiducia al Management per benefici personali $$$$$???
    CHE TRUFFA! CHE TRADIMENTO!

  8. 6 marzo 2013 6:13 PM

    sono un ex scientologo…fuori dalle linee, fisicamente e spiritualmente, sono ben accetto in queste vostre dissertazioni? 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...