Skip to content

JASON BEGHE

13 settembre 2011

https://i0.wp.com/780x378-1.ikiwq.com/0Jy1svQCqpzs2PemQ5ELTa.jpg

JASON BEGHE

Il Village Voice, Blog gestito da Tony Ortega, che spesso riportiamo nei nostri post essendo voce forte contraria alla Chiesa di Scientology, sta facendo una classifica che riguarda le 25 persone che più hanno danneggiato “Scientology”. La sua classifica include personaggi che vanno da Tommy Davis o Kendrick Moxon il famigerato avvocato interno della Chiesa, Amy Scobee, Jeff Hawkins e Marc e Claire Headley come pure il Senatore Australiano Nick Xenophon o la scrittice Janet Reitman, Lisa McPherson e così via. Come lui stesso afferma: 

Il 5 Agosto, abbiamo iniziato un conto alla rovescia che darà credito oppure colpa alle persone che più hanno contribuito al triste stato in cui oggi si trova Scientology. Dalla sua grandissima espansione negli anni 80, ora la chiesa è diventata un guscio vuoto rispetto a quanto era una volta ed è affossata da un numero incalcolabile di controversie in tutto il mondo.

Teniamo ad avvisarvi che, come buona parte della stampa corrente che è passata su Scientology, Ortega è irriverente per ciò che riguarda i dati confidenziali o i materiali contenuti sui livelli OT e gli stessi vengono inseriti qua e là nei suoi articoli, tenetene conto se doveste avventurarvi nel leggerli. Ora al nono posto della sua classifica dei 25 Ortega posiziona Jason Beghe, famoso attore di Hollywood e Scientologist di vecchia data che ha abbandonato la Chiesa e che all’inizio del 2008 ha rilasciato a Mark Bunker una intervista di fuoco che ha fatto il giro del mondo. Chi ha visto l’intervista sarà senza dubbio d’accordo con l’assegnazione da parte di Ortega del 9 posto in classifica. Marty Rathbun però afferma:

 Mentre rispetto Tony per la sua capacità ad affrontare la setta e la sua intelligenza nel comprendere gli scopi e gli obbiettivi di Scientology Indipendente in contrapposizione a quelli della Scientology Radicale e Corporativa, non sono però d’accordo con la sua visione di quali siano i prodotti e le intenzioni di Jason Beghe. L’intervista video che Jason ha fatto con Mark Bunker agli inizi del 2008 ha catturato in maniera accurata, la cruda e dolorosa verità che mostrava un Jason subito dopo che era riuscito a fare quel passo solitario e coraggioso passando dall’altra parte di quel muro di fuoco che ti tiene legato alla Setta di Miscavige. Ma definire Jason solamente giudicando quel momento secondo me è una tremenda ingiustizia nei confronti di Jason.

Riteniamo che questa sia un’ affermazione più che corretta e che l’intervista, molto importante come attacco diretto al regime di Miscavige, mostra uno dei volti di Jason, quel Jason che ha dovuto subire tutte le soppressioni che la Setta di Miscavige perpetra  su tutti coloro che ne fanno parte. E la sua rabbia, i suoi toni, le sue valutazioni sono uno sfogo più che giustificato dopo l’essersi resi conto di aver subìto fiumi di menzogne e di arbitrari per anni. Il ruolo di Jason in relazione all’Indipendenza di Scientology e agli attacchi verso David Miscavige non è così alla luce del sole ma lui è senza ombra di dubbio uno dei principali fautori del movimento. Ortega nel post ci rivela che dopo aver intervistato Beghe varie volte per il suo Blog, ha viaggiato insieme a lui quando Jason si stava dirigendo a New York ma che poi Jason avrebbe proseguito il suo viaggio :

Posso finalmente raccontare adesso quello che a quel tempo non potevo dire, dopo esserci divisi Jason Beghe continuò il suo viaggio diretto in Virginia, lì si sarebbe dovuto incontrare con tre ex membri chiave di Scientology: Ronnie Miscavige (il fratello dell’attuale leader David Miscavige), sua moglie Bitty (abbrevazione per Elizabeth) Miscavige — che una volta era nella posizione #2  in Scientology lo stesso posto occupato poi da Marty Rathbun — e Jonathan Horwich, che era una volta sposato con la figlia di L. Ron Hubbard  Diana.

Fu lì, racconta Beghe, che apprese per la prima volta che Marty Rathbun era ancora vivo. Molti erano i pettegolezzi che giravano dopo che Rathbun era andato via nel 2004 da Scientology. I Miscavige ed Horwich dissero a Beghe non solo che Rathbun fosse ancora vivo, ma che adesso, anche un altro executive di primo piano era “scappato”: Mike Rinder, l’ex portavoce internazionale di Scientology e colui che era a capo dell’ Ufficio degli Affari Speciali, la branca della chiesa che si occupa delle operazioni nascoste, anche lui se ne era andato, e questa è stata la prima volta in cui Jason ne fu informato.

Dope essere ritornato a casa Beghe contattò Rathbun, ed iniziarono a parlare per due o tre volte al giorno in media per un’ora alla volta, e questo per più di un mese.

Dopo un mese di discorsi con Rathbun, Beghe andò da lui a trovarlo. Rathbun mi dice che si era già incontrato con Amy Scobee ed il marito Mat Pesch, e che avevano già deciso di uscire allo scoperto per aiutare le persone che avevano lasciato Scientology. Ma fu solamente dopo essersi incontrato con Beghe, mi dice Rathbun, che lui ha “veramente iniziato a pensare in grande.”

“Pensare in grande” significava l’andare a parlare con Joe Childs e Tom Tobin al St. Pete Times per la loro serie chiamata poi “Il Rundown della Verità”, per il quale Rathbun convinse anche Mike Rinder a cooperare.

……….

Sino ad ora, non penso che Jason Beghe abbia ricevuto il meritato credito per aver aiutato ad accendere quel fuoco. 

Quindi da questo paragrafo si può capire il grande ruolo giocato da Jason, che dopo il suo video ha preferito “giocare” dietro le quinte, ma la sua influenza, la sua determinazione ed integrità sono certamente stati determinanti. Mark Bunker afferma infatti che: “L’ex dirigente dell’Ufficio degli Affari Speciali, Mike Rinder, mi ha detto recentemente che, oltre Marty Rathbun, è Jason che preoccupa maggiormente David Miscavige. E questo la dice lunga.” 

E Marty confermando quando sopra nel post sul suo Blog ci racconta:

Jason è uno dei miei amici più intimi. Nell’Agosto del 2008 è stato a casa nostra per una settimana. Abbiamo trascorso dozzine di ore insieme sul porticciolo di casa mia che guarda la baia parlando del soggetto di Scientology. Alla fine di quella settimana avevamo sintetizzato la nostra comune visione. Quella visione era di aiutare gli Scientologist a guarire le loro ferite ed anche cercare di guarire la stessa Scientology utilizzando per prima cosa lo strumento della verità. Anche se la chiesa, ed apparentemente anche chi odia Scientology, non crederà mai a questa cosa ma la verità è che sia io che Jason eravamo d’accordo sul fatto che fosse contro producente sprecare troppo tempo per “abbattere” o “combattere” Miscavige. Jason – che è una delle persone più intelligenti e ben istruite (ed anche addestrato profondamente in Scientology) che abbia avuto il piacere di avere come buon amico – capì subito quello che volevo dire quando affermavo che, e dimostravo il fatto che Miscavige aveva risucchiato la Chiesa in un GPM da incubo (Scopi-Problemi-Massa – il positivo-negativo, la trappola che ti fa resistere a ciò che poi diventi perchè hai resistito) che ora produce l’esatto opposto (Problema) di ciò che aveva postulato (Goal) e che ha prodotto come risultato una setta distruttiva (Massa) .

Il disaccordo di Marty con Ortega è chiarito nel paragrafo che segue dove afferma:

Jason non vuole “danneggiare” od in nessun modo colpire “Scientology.”   A Jason tutto quello che interessa è la verità.  E vi racconterò due fatti che dimostrano questo.

Jason è passato attraverso dieci anni della più nefanda Black Dianetics che possa esistere quando era dentro la Scientology Corporativa. La cosa ebbe inizio nel 1996. Jason aveva finito tutto il suo training sino a Classe V al Celebrity Center International (CCI).  Jason era un auditor così efficiente che durante il suo internato un sacco di persono lo volevano come auditor per i loro Gradi o NED.  Il CCI, come è abitudine della chiesa, naturalmente ha potratto molto più a lungo del necessario il suo internato visto che con quell’auditor facevano un sacco di soldi.

Poi Miscavige decise da un momento all’altro di distruggere il percorso delineato per il training che L. Ron Hubbard aveva perfezionato in tre decadi. A Jason venne detto che doveva riaddestrarsi perchè Miscavige aveva determinato che qualcuno non menzionato con nome e cognome aveva distrutto la tech. Jason allora disse “Va bene – Cominciamo!”. Ma gli dissero di andare dal Registrar. Jason, che è Jason, allora pronunciò le parole oramai famose “Fammi capire bene, voi avete mandato di culo la tech, ed adesso volete che io paghi per quel motivo? Ma andate a cagare!”

Di sicuro Jason non ha trattenuto, come molti invece hanno fatto, il suo pensiero ed il disgusto per le richieste che gli venivano fatte. Ma naturalmente non poteva passarla liscia e quindi continua Marty:

Questa cosa ha dato inizio a dieci anni di “riparazioni” che  hanno portato Jason all’inferno. Riparazioni che gli sono costate centinaia di migliaia di dollari, a Jason sono state fatte fare riparazioni senza fine sugli Ls, riparazioni su NOTs, FPRD, Security Checks, ed è anche stato sottoposto alla più crudele e valuatativa “Etica” che si possa immaginare. Io questo lo so per certo perchè nel 2002 mentre io ero al CCI e audivo Tom Cruise, Miscavige mi ordinò di verificare cosa fosse questo dramma senza fine che era diventato il ciclo di Jason Beghe.   Anche se Jason afferma che le due settimane in cui io l’ho audito sono state una luce accecante in quell’inferno durato dieci anni, anche io lo mettevo dalla parte del torto a causa delle sue “contro intenzioni” nei riguardi della  “Golden Age of Tech” (ovvero la cancellazione nel 1996 del percorso del training come L Ron Hubbard aveva indicato).  Sfortunatamente però, mi venne ordinato di andare a Flag a maneggiare il processo di McPherson non appena completai Cruise su NOTS e quindi mollai Jason come se fosse una patata bollente.  Forse se avessimo passato più tempo assieme allora magari ce ne saremmo andati via entrambi nel 2002.L’aver incontrato Jason sei anni più tardi ed avendo avuto l’opportunità di parlare in modo franco e sincero con lui senza alcuna censura od idee fisse, sono riuscito a capire che: Jason Beghe è stato perseguitato e torturato per dieci anni perchè ha avuto l’integrità di alzarsi in piedi e dire quello che probabilmente il 97.5% degli Scientologists aveva pensato (ma che aveva trattenuto per paura) nel Maggio del 1996.

Ma Jason Beghe non è stato lasciato in pace, non sia mai! David Miscavige non poteva lasciar passare quanto lui aveva affermato nei suoi video e quindi tutte le tattiche più meschine da parte di OSA sono state utilizzate per molestarlo, sino a che anche lui ha “pagato il suo prezzo”, ci dice Ortega:

Gli Investigatori Privati di Scientology ed i loro leccapiedi sono ben conosciuti per le loro incessanti strategie attraverso le quali molestano chi critica sino a che qualcuno reagisce o sferra un cazzotto – a quel punto gli avvocati di Scientology scendono in campo e con il loro fare da medioevo continuano le molestie sul piano legale. Beghe attualmente sta scontatndo una pena ad un anno in libertà vigilata dopo aver commesso un’ infrazione per come ha aggredito una persona che gli stava notificando un manadato di comparizione a casa sua a Malibu. Se Marty Rathbun riceve molta più attenzione per il modo in cui viene costantemente molestato da OSA in modo che la sua vita diventi un inferno, potete star certi che stanno facendo la stessa cosa a Beghe, anche se non se ne sente molto parlare perchè Beghe preferisce tenere le sue cose riservate. Ma i suoi sforzi come minimo dovrebbero perlomeno essere riconosciuti adesso.

Marty chiarisce anche cosa esattamente sia successo che ha fatto in modo che Jason fosse condannato:

Per quanto riguarda il caso di aggressione al quale si riferisce l’articolo di  Tony Ortega, anche qui ritengo serva mettere la cosa nel contesto appropriato….. Una persona della Setta di Miscavige con l’intento di consegnare nelle mani di Jason un mandato di comparizione si è addentrato più di cento metri all’interno della proprietà di Jason. Il nome di chi aveva mandato lì quella persona era scritto a mano sul mandato. Quella persona non era un avvocato. Era Greg Schulman, un ex membro del Guardian’s Office che poi per 30 anni è stato un veterano nello “Spionaggio” di OSA.  La persona mandata da Jason ha utilizzato tutte le tattiche possibili ed immaginabili per provocare Jason e tutti voi le conoscete ora visto che sono oramai state usate e fatte conoscere su di me e Mike Rinder per quasi un anno.

Sfortunatamente, Jason non ha la stessa scuola che abbiamo io e Mike relativa alle tattiche di OSA e quindi sono riusciti a farlo reagire.  Conoscendo tutte le circostanze del caso oggi sono orgoglioso del fatto che Jason abbia usato il minimo della forza nel confrontare quella situazione. OSA ha usato vari studi legali che si sono lavorati l’Ufficio dello Sceriffo di Los Angeles, e l’Ufficio del Procuratore Distrettuale di Los Angels in modo da portare Jason in tribunale. Hanno usato tutto quello che potevano per molestarlo e la cosa è costata a Jason molto denaro, e molto del suo tempo negli ultimi due anni. Se avessimo avuto maggiori risorse a quel tempo, li avremmo portati noi in tribunale, lo ritenevo giusto sin dall’inizio ma allora non disponevamo delle risorse finanziarie sufficienti per entrare in una avventura del genere.

Io ho a mio carico 11 (undici) processi penali che sono stati presentati dalla Setta di Miscavige a causa di vari modi con i quali ho cercato di limitare le persone che continuavano ad intralciarmi. Hanno assunto quattro studi legali in Texas (incluso il più importante di tutto il Texas del Sud) per fare pressioni sulle amministrazioni locali in modo che venissi considerato colpevole. Sino ad ora non hanno avuto successo, e (tocchiamo ferro), spero sia così anche in futuro.

Ma vi dico qui e subito chi mi ha tenuto fuori di galera: Jason Beghe. Se non ci fossero stati i due anni di inferno che la Setta di Miscavige gli ha fatto passare, e la incredibile calma con la quale lui li ha maneggiati, non c’è dubbio che io avrei fatto qualcosa di molto più grave delle due pacche sulla spalla che Jason ha usato per cacciare quel farabutto dai suoi figli di 4 e 6 anni e da sua moglie.

JASON E’ UN VERO UOMO!

E a beneficio di David Miscavige e dei trenta e passa siti WEB contro di me, voglio affermare in maniera cristallina, qualcosa che potete affermare che io ho detto:

IO VOGLIO BENE A JASON BEGHE.

E cosa dire dopo aver letto e conosciuto tutte queste cose? Il prezzo della libertà viene pagato forse da troppe poche persone a beneficio poi di molte altre. Viene pagato da uomini coraggiosi, che non si lasciano intimidire, che non cedono al richiamo del denaro ma che restano integre e fedeli ai sani principi etici che li guidano nella loro vita. Queste sono le persone che ognuno di noi vorrebbe avere al suo fianco, queste sono le persone che ognuno di noi vorrebbe avere come amici. Ed è per questo che anche noi qui all’Indipendologo diciamo:

JASON ANCHE NOI TI VOGLIAMO BENE!

GARY BALDI

Advertisements
13 commenti leave one →
  1. Orlando Furioso permalink
    13 settembre 2011 10:44 PM

    Bellissimo articolo.grazie Gary Baldi.
    l prezzo della libertà viene pagato forse da troppe poche persone a beneficio poi DI MOLTE ALTRE.Viene pagato da uomini coraggiosi, che non si lasciano intimidire………
    MI rincuora sempre sapere che non sono il solo che ATTACCA….anzi devo dire che i miei attacchi a confronto di quello di altri.non sono nulla!
    Che dite……..la chie$a se lo merita ogni tanto un bell’ANTAGONISMO??
    Se non peggio??Che sia il tono appropriato??

  2. Vulcano permalink
    13 settembre 2011 11:02 PM

    Bravo Gary, mi è piaciuta molto la frase “Il prezzo della libertà viene pagato forse da troppe poche persone a beneficio poi di molte altre.”
    Perchè questa frase rispecchia la verità

    • Vulcano permalink
      13 settembre 2011 11:14 PM

      Congratulazioni Jason per aver fatto quello che hai fatto e per essere…”uno dei pochi”

  3. Mirko permalink
    13 settembre 2011 11:52 PM

    Jason è sicuramente un vero uomo e di sicuro è un uomo che sta pagando il prezzo della libertà con grande impegno e senso del dovere.

    Ma in cambio di un prezzo per la libertà così caro, otterrà di certo un fiorire dell’integrità e della dignità, che lo eleva e lo distingue come (parafrasando LRH) “un Essere che fa succedere le cose… non che solo fa pensieri confusi”.

    Grazie Jason per il tuo impegno, te ne sono grato.
    Naturalmente così come ringrazio Marty e tutti gli altri Indi noti, impegnati a viso aperto contro questi gravissimi sopprusi, perpetrati senza soluzione di continuità dal Miskazzone.

    Mirko

  4. Claudio Lugli permalink
    14 settembre 2011 3:35 PM

    Conosco Jason da molti anni, è una persona con un grande cuore e molta integrità. Da buon New Yorker è diretto e non scende a compromessi, e questo è quanto ha fatto anche con Scientology. Miscavige lo ha ripagato con quantità industriali di Reverse Dianetics. Sono d’accordo con Marty quando dice che giudicare Jason solamente dal video fatto con Bunker sarebbe ingiusto, proprio perchè quel video è stato registrato poco dopo la decisione di Jason di denunciare gli abusi di Miscavige. Ma molte delle cose che JAson racconta nel video sono comunque vere. La sua disillusione nei riguardi del soggetto è stata solamente temporanea. Certamente la sua positiva influenza su Marty e Mike Rinder in modo che contattassero il St Petersburg Times è cosa che verrà scritta nella storia dell’Indipendenza. Molti Scientologists lavorano assiduamente e duramente per contribuire al recupero del soggetto e molto spesso senza alcun riconoscimento, anzi ottengono il contrario, ma non mollano. Jason è una di queste persone. Grazie

    • Orlando Furioso permalink
      14 settembre 2011 7:31 PM

      Ciao Claudio.
      Sacrosanta verità;
      “senza alcun riconoscimento, anzi ottengono il contrario”….
      Ma arriverà quel giorno….arriverà quel giorno e che nessuno si presenti davanti alla mia faccia!!!

      • Orlando Furioso permalink
        14 settembre 2011 8:44 PM

        Davanti al giudice la presenteranno!!!

  5. Omar permalink
    14 settembre 2011 6:00 PM

    Complimenti a Jason che non ha mollato di fronte a una soppressione che avrebbe fatto imbestialire chiunque!!
    Ma penso che solo quelle persone che con integrità, onestà ed una osservazione analitica possano star di fronte a nefandezze varie.
    Con questo punto di vista i nostri scopi sono a portata di mano.
    Omar

  6. 14 settembre 2011 7:53 PM

    Sono molto contento di questo articolo che riabilita, direi alla grande, un Personaggio della caratura di Jason Beghe. Sono sincero nel dire che quando vidi la famosa intervista da lui rilasciata, sapevo già delle porcherie perpetrate dalla Chiesa di Miscavige e, proprio a causa di questo, non mi sono sentito di giudicarlo male. Era altresì percepibile, da parte sua, una certa carica sull’argomento ma, al di là di quello che Jason dichiarava, poco o nulla poteva far comprendere cosa gli fosse successo e perché stava dicendo quelle cose. Voglio dire, è sempre molto facile giudicare un’altra persona ma troppo spesso, in realtà, non sappiamo un granché di essa, del suo vissuto o le varie ragioni che la spingono a comportarsi in un certo modo in una data circostanza.

    Sono anche felice di sapere che sta contribuendo attivamente al nostro movimento e voglio ringraziarlo per ciò che ha fatto e che, sicuramente, continuerà a fare. Mi auguro che altri VIP, altrettanto intelligenti, sappiano riconoscere i crimini che l’attuale Chiesa sta commettendo, abbiano il coraggio di comunicare pubblicamente il loro disaccordo e si uniscano alle voci di denuncia che desiderano il ritorno della VERA Scientology.

    Saluti
    Davide

    • Antonino permalink
      15 settembre 2011 12:28 PM

      Sento quasi il bisogno di fare le mie scuse a Jason, per come l’ho giudicato dalle sue interviste.
      Dice bene Davide che alcune volte giudichiamo molto facilmente senza sapere prima quello che c’è da sapere a riguardo.
      Era doveroso per Marty fare questo post.
      E adesso sento di fare a Jason tutte le mie congratulazioni per il suo operato di valore.

  7. Renata Lugli permalink
    15 settembre 2011 12:29 AM

    Recentemente ho visto Jason e parlato con lui per diverse ore. Mi ha raccontato molte cose tramite le quali ho potuto capire che lui è una delle colonne portanti del movimento Indipendente Internazionale.
    A lui va tutto il mio rispetto e stima.

  8. Diogene permalink
    15 settembre 2011 1:21 AM

    Credo sia stato Pirandello a dire che è molto più facile essere un eroe, che un galantuomo… “Eroi si può essere una volta tanto; galantuomini si deve essere sempre”…
    Jason ha tutta l’aria di essere un galantuomo… e di darsi altre arie non gli importa nulla…
    Per questo è un eroe che ammiriamo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...