Skip to content

BLOWN FOR GOOD CAPITOLO 24

15 giugno 2011

Traduzione

a cura di

SIMON BOLIVAR

Capitolo ventiquattro

Goditi il silenzio

 

La Base Int è una proprietà di 500 acri divisa in due dalla Gilman Spring Road, o superstrada 79 come la chiamiamo. Tanto tempo fa se volevate andare da un lato all’altro della proprietà, c’erano cancelli pedonali che dovevate attraversare, attraversare la superstrada e quindi attraversare il cancello dall’altro lato. Questo andava bene per il pedone occasionale che attraversava. Ma quando veniva servito un pasto o era appena finito, c’erano 600 persone che attraversavano la superstrada in una lunga fila. Era un po’ pericoloso, come attraversare una strada senza semaforo.

Nei primi anni 90, la tribù indiana dei  Soboba, la cui riserva si trovava alcuni chilometri a est della base, decise di fare dei soldi col loro casinò. Fino a quel momento avevano un piccolo edificio con alcuni tavoli per le scommesse, delle slot machine e un ristorante di carne. La prima cosa su cui lavorarono fu mettere su un grande parcheggio che poteva ospitare migliaia di auto, poi ci portarono dentro delle tende, tre di loro. Ognuna di queste enormi tende bianche avrebbe potuto contenere un intero casinò.

C’erano due modi per arrivare al Casinò degli indiani Soboba, potevate guidare da Los Angeles per la superstrada 60 est e quindi giù per la Gilman Springs road che vi avrebbe portato oltre la base, o potevate dirigervi da Palm Springs andando verso ovest sull’interstatale 10 prendere Lamb’s Canyon fino alla Gilman Springs Road, che vi avrebbe portato ancora una volta portato oltre la base.

C’era un’altra strada da dove potevi passare invece di usare la Gilman Springs Road, ed era di prendere la Sanderson Street fino alla Ramona Expressway. Questa strada poteva anche essere più veloce, ma era poco conosciuta.

Il traffico che attraversava la Base si faceva ogni giorno più incessante. Infatti stava diventando MOLTO affollata.

La strada era abbastanza malmessa e senza molte cure, la maggior parte di essa, non aveva illuminazione notturna. E c’era anche un problema di sicurezza presentato da questa strada. Lo staff  poteva (e lo aveva fatto) scivolare facilmente fuori da una delle sei uscite pedonali e sparire per sempre. Non c’era nessun modo di controllare le persone che andavano e venivano da questi cancelli e benché ci fossero telecamere della sicurezza ad ogni cancello, di notte era difficile vedere e molta gente era fuggita semplicemente camminando fuori dai cancelli e salendo in un auto che si era fermata per soccorrerli.

Dave Miscavige ordinò ed approvò un nuovo piano per la superstrada che non solo avrebbe reso complicato andarsene, ma anche più difficile per le auto passarci accanto. Avrebbero costruito due tunnel sotto la strada per connettere assieme i lati nord e sud della proprietà e per liberarsi dei cancelli pedonali.

Poi avrebbero rimpicciolito la strada mettendoci uno spartitraffico e dei guardrails su entrambi i lati delle linee della proprietà. Mentre avveniva la costruzione, il percorso alternativo veniva reso popolare e promosso come più veloce e più facile. L’idea era che la costruzione di questa strada avrebbe maneggiato tutti i problemi che la vecchia strada presentava.

Infatti, se Dave avesse veramente fatto a modo suo, la strada sarebbe stata riposizionata e fatta divenire una strada privata e i cancelli li avrebbero messi sulla superstrada ad entrambi i lati, prevenendo TUTTO il traffico in ingresso. Ma si sarebbe dovuto accontentare del suo piano accettabile.

Il progetto venne facilmente accettato dall’ufficio progetti cittadino. La maggior parte della volte, qualsiasi cosa costruita o creata a Gold veniva esaminata dall’ufficio costruzioni cittadino fino alla fine. Sembrava che non gli piacessimo e ogni volta che venivamo informati riguardo a qualcosa collegato a materie cittadine dallo staff dell’ufficio PR Esterne, era sempre su come “nonostante tutte le bizzarrie e gli SP che ci sono nell’ufficio costruzioni cittadino”, erano riusciti a maneggiare un permesso per costruire qualcosa.

Per la strada, comunque, la città passò ogni cosa velocemente. Benché il progetto di Dave fosse quello di ridurre il traffico, che non sarebbe piaciuto alla città, il lavoro di costruzione doveva essere rinviato più avanti.

Durante l’inizio della costruzione, la strada venne chiusa al traffico che la attraversava. L’ammontare di auto che passavano scese a centinaia invece di decine di migliaia. Sembrava che il piano avrebbe funzionato. Le persone avevano iniziato di già a prendere le strade alternative; cosi tanto che sentimmo che la Ramona Expressway iniziava a bloccarsi durante le ore più congestionate. Non era mai successo prima ed era un buon segnale che il traffico era stato dirottato con successo.

Dopo due anni di costruzione, la strada e i tunnel furono completati. Era una delle strade più belle di Hemet e San Jacinto. Per tenere basso il volume del rumore, l’asfalto venne fatto più scorrevole. Vennero dipinte nuove righe segnaletiche e vennero costruiti tornelli per tutti i cancelli. I tunnel significavano non più attesa per via delle auto per poter attraversare la strada e non più cancelli pedonali che permettevano agli staff di lasciare quando volevano.

Sembrava che il piccolo progetto di Dave avesse avuto successo. Ma pochi mesi dopo il suo progetto venne sventato come succedeva sempre. Un tempesta tropicale abbastanza grossa colpì l’area, e quando dico l’area, non voglio dire Riverside o Hemet o San Jacinto. No, voglio dire Gilman Hot Springs.

Non era come l’alluvione dell’agosto 1990. Quello fu tanta acqua in un periodo temporale corto, forse una o due ore. Questo temporale durò per giorni. Ma mentre a San Jacinto pioveva, qui a Gilman Hot Springs semplicemente diluviava. Era innaturale.

Ci furono un sacco di preoccupazioni sui nuovi tunnel e la nuova strada. Il temporale avrebbe minacciato la loro integrità causando un collasso? La montagna sarebbe scivolata giù sulla nuova strada? Non capitò nessuna di queste. Ciò che capitò fu anche peggiore.

Come nell’alluvione del 1990, il fiume che correva lungo il lato sud della proprietà si alzò di livello e minacciò di rompere gli argini che coprivano l’intero lato della proprietà.

Gruppi di persone venivano assegnate alle ruspe e pale meccaniche per alzare gli argini, non importava il costo. Molti di noi erano diventati dei “rovers”. Ci vennero dati dei Walkie-Tlakies e dovevamo percorrere tutta la proprietà con le moto riportando i danni indietro alla “stazione uno” lo stato del livello dell’acqua e le rotture degli argini.

Dopo tre giorni di veglia giorno e notte andando con la moto in giro nel freddo e nella pioggia, non resistevo più. Ero malato, molto malato. Dovevo andare in isolamento. Quando vi giunsi, era pieno di altri staff, la maggior parte dei quali era in forza come me nei rovers. Dormì per giorni e quando mi svegliai, sentì una delle cose più pazze che non avevo mai sentito in secoli.

Dopo che il fiume San Jacinto aveva oltrepassato la proprietà, passava sotto alla Sanderson Street. Beh era passato sopra alla Sanderson Street e l’aveva trascinata giù verso il fiume. Non c’era più. Non ci credetti e cavalcai la mia moto fino alla strada per vederlo di persona.

Sicuro. La strada era SPARITA. L’asfalto letteralmente finiva là e ora dove prima c’era la strada c’era un salto di 10 metri. Per chi abitava in qualche altra parte degli Stati Uniti, questa sarebbe stata un evento periodico. Non qui nella Contea di Riverside. Da noi c’erano pochi centimetri di pioggia per l’intero anno! E una strada principale spazzata via dall’acqua era un grosso problema.

Una delle guardie della sicurezza più anziana che era alla Base da sempre mi disse che quella strada venne danneggiata anche anni prima da una alluvione simile nel 1980. Fu in quell’esatto momento che realizzai perché la città aveva reso la strada a percorrimento veloce. Sapevano che la loro strada sarebbe stata distrutta in qualche punto e senza aver sistemato la strada che passava dentro la proprietà, il viaggio in città fino ai casinò sarebbe stato minacciato.

Di certo, non appena Sanderson Street sparì, il traffico attraverso la Base non solo tornò ai livelli precedenti, ma divenne ancor più congestionato con autocarri pesanti, camion, auto – ogni cosa doveva passare attraverso la proprietà.

Per aggiungere un insulto alle ferite, le svolte vennero in qualche modo confuse ed usate come corsie di sorpasso! Cosi le persone che guidavano sulla superstrada a due corsie, quando giungevano nei pressi della proprietà, acceleravano per sorpassare le altre auto dato che la strada si allargava a quattro corsie!

Dire che Dave Miscavige era arrabbiato era poco. Laddove aveva pensato di prendersi il meglio dai locali, divenne la cosa opposta. Avevamo speso milioni per costruire una nuova strada, e come risultato TUTTO il traffico di Hemet o di San Jacinto o dei Casinò degli indiani ora passava sulla nostra proprietà.

Sanderson Street invece, divenne ufficiale; non avrebbero rischiato che venisse spazzata via un’altra volta. Questa volta avrebbero costruito un enorme ponte sopraelevato invece di una strada e rifatto le connessioni tra Lamb Canyon e la Gilman Soprings road. Ci sarebbero voluti tre anni almeno!

Era un colpo che non sarebbe finito mai e molte persone avrebbero sofferto ora che le cose erano finite cosi male come fecero. E Dave Miscavige si sarebbe assicurato che la gente soffrisse.

Ci furono centinaia di pagine di ordini, trascrizioni di incontri, progetti, ditene uno voi, su come maneggiare la situazione superstrada. Passarono mesi e anni e gli ordini continuavano ad arrivare da Dave su cosa fare per la superstrada.

Ogni settimana o mese venivamo istruiti sugli ultimi maneggiamenti che venivano fatti sulla superstrada. Nessuno risultava in niente di ciò che Dave Miscavige voleva. Lui voleva che la strada fosse completamente chiusa, nessun traffico. Cosi ogni cosa che veniva fatta non era ciò che Dave voleva, cosi alla fine, non importava cosa facevi, veniva smerdata da Dave.

Le persone dietro a questo errore erano della divisione delle PR di golden Era. Consistevano di Ken Hoden e Muriel DuFresne (si pronuncia Do-Frane). Erano quelli che si credeva avrebbero chiuso la strada o maneggiato in modo che Dave non avesse la superstrada sulle sue linee.

Nel 2000, Dave trovò una nuova ragione per lamentarsi sulla superstrada: Lo teneva sveglio. Dave Miscavige viveva in un edificio che si trovava a 50 metri dalla superstrada. Viveva nella Lower Villa che era posizionato direttamente a est della nave Clipper Star of California. Apparentemente, il numero di camion che usavano la superstrada era costantemente elevato e il punto di maggior picco quando passavano dentro la Base era verso le 6.00 a.m. circa.

Dave Miscavige provò per anni a tagliare il traffico sulla superstrada. Ora che lo teneva sveglio per tutta la notte. Decise di condividere l’esperienza. Un giorno arrivò un ordine che attestava che Ken Hoden, Muriel DeFresne, Steve Willet e Jim Mortland (gli ultimi due erano executive dell’area Estate) dovevano alzarsi alle 5.30 a.m. e mettersi in piedi vicini alla superstrada proprio sotto alla stanza da letto di Dave per alcune ore. Dovevano continuare fino a che non avessero maneggiato il rumore della superstrada. O facendo cambiare il limite di velocità, dichiarando la strada una strada di contea, chiudendola definitivamente, qualsiasi cosa ci voleva, dovevano sedersi sulla strada OGNI SINGOLA MATTINA fino a che non fosse stato risolto.

Passarono i mesi, di sicuro, erano là ogni mattina in piedi all’aperto vicino alla superstrada.

Jim Mortland ebbe la peggio. Era là fuori perché anni prima era il Sec Estate. Bene all’epoca lavorava nell’area sistemi A/V e abitualmente stava sveglio fino a tardi la notte per lavorare e non cercava nemmeno di andare a casa dato che sarebbe dovuto andare fuori in piedi sulla superstrada dopo poche ore. Poteva farsi una pennichella per una o due ore sulla scrivania e quindi andare sulla superstrada.

E tutto questo perché Dave Miscavige potesse godersi il silenzio.

Annunci
6 commenti leave one →
  1. Diogene permalink
    16 giugno 2011 1:29 AM

    Chiunque abbia lavorato con personalità squilibrate con manie di grandezza e idee fisse che loro difendono col TERRORE di essere contraddetti (per cui usano qualsiasi mezzo per dimostrare di aver ragione) sa per esperienza CHE NON CAMBIERANNO MAI e l’unica via di salvezza è… DISCONNETTERE DA LORO…!!!
    La sola idea di non essere ubbiditi anche se i loro ordini sono folli e irrealizzabili…li rende pazzi furiosi…!!! Ecco perchè LORO ti minacciano col licenziamento e l’ostracismo perpetuo (in Scn conosciuto come Interminabile RPF o Disconnessione Forzata o Dichiarazione di SP) ma NON ACCETTANO CHE I LORO SUBORDINATI DISCONNETTANO DA LORO… piuttosto li promuovono sul campo o fanno mille promesse ma al solo scopo di farli precipitare da un posto ancora più alto e farli sentire maggiormente in colpa o succubi…
    Non esiste alternativa… questi tipi sono FISSATI SU CAUSA OSSESSIVA e naturalmente c’è un sacco di gente che li ammira o che li odia per il senso di potere che emanano e quindi cercano di emularli (in Scn si chiamano PTS)…
    Il metodo sicuro per infognarsi di più è cercare di accattivarseli sia con le buone che con LA CIECA OBBEDIENZA… gli si dà proprio il potere che pensano di avere per qualche DIRITTO DIVINO, di razza, posizione sociale o turba psichica… peggio se si sono conquistati il posto con l’inganno e la sopraffazione metodica…
    Se credete che l’uso del pronome LORO sia una generalizzazione, guardatevi in giro o scovate nel vostro passato qualche PERSONA REALE che sfoggi queste caratteristiche…io di sicuro ne ho conosciuto anche al di fuori di Scn e li ho dovuti tenere a distanza oppure me ne sono andato fuori dalla loro portata volontariamente perchè LORO NON SE NE VANNO E NON TI MOLLANO… perchè non sanno perdere con razionalità… non stanno di fronte a un dissidente che respira e ragiona con la sua testa… VI E’ REALE? Se non vi è reale, siete fortunati…o altro…
    In Scn si insegna che soltanto chi ha OVERT NASCOSTI scappa, fa blow… è sicuramente VERO… ma CHI NON NE HA????… Errare humanum est… ma chissà perchè c’è sempre qualcuno in alto che NON SE NE VA MAI…. politico, banchiere o religioso che sia…
    Lo sappiamo il perchè, ma per essere didascalico farò un paio di ipotesi…
    1) lui non sbaglia mai, quindi overt non ne commette… 2) le sue azioni riprovevoli e nascoste sono sempre per il bene comune o per tutte le dinamiche… 3) lui sa sempre chi ha sbagliato e chi deve essere punito… 4)lui è l’UNICO in grado di tirare avanti la baracca… 5) LUI è LUI e gli altri non sono un c.zzo… 6) LUI detta le regole e non le subisce … /) Lui si merita adorazione e favori in cielo e in terra … odia gli uragani e i traditori che li provocano… 9) ecc. ecc. ecc.

    Chi ha un minimo di buon senso o di giudizio (e ci tiene alla sua salute e alla sua prosperità) non ha che una via… ANDARSENE… DISCONNETTERE…
    Non è una dottrina salvifica… E’ LA VITA…

    l

  2. Kociss permalink
    16 giugno 2011 6:17 AM

    Quello che mi fa girare enormemente i cappasisi ( espressione siciliana, prego Simon di tradurre, ma forse si capisce lo stesso) è che in tutti questi anni nessuna notizia sia trapelata da questo strafottutissimo posto che è Int, che Alcatraz in confronto sembra una discoteca. La congiura del silenzio.
    Se la Mafia sapesse come Miscavige riduce al silenzio gli staff le org, specialmente quelle siciliane, raggiungerebbero le dimensioni della vecchia Saint Hill in poche settimane.

    Ed io, e tutti noi, in buona fede abbiamo osannato questo fottutissimo figlio di buona donna.

    Mamma mia come mi girano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...