Skip to content

IRREQUIETI A SEATTLE

7 aprile 2011

Grazie a GONOS che ne ha curato la traduzione ( anche un po’ complessa, visto che era composta in più parti sul Blog di Marty) siamo in grado di presentarvi questa meravigliosa Dichiarazione di Indipendenza dei Palmer.

Ragazzi veramente eccezionali, che non hanno avuto peli sulla lingua ed hanno schioccato le loro frecce dirette al centro del bersaglio David Mi$cavige.

Ed anche di più, hanno ideato un sito dove poter “leggere” le Dichiarazioni SP…………… E’ il capitolo “C’EPOSTA PER TE” e i Palmer scrivono:

Il piano era concepito per recapitare i nostri messaggi usando una linea di comunicazione conosciuta.

Speravamo di eludere i blocchi mentali degli Scientologist, che hanno impedito loro di guardare;

almeno abbastanza a lungo da portarli a farsi delle domande.

Benvenuti Vicki e Richard. Per tutti noi è un onore avervi tra le file degli Indipendenti.

CAMILLO BENZ

§§§§§§§§§§§§

Siamo orgogliosi di annunciare finalmente che non siamo più membri della Chiesa di Scientology. Malgrado abbiamo ricevuto immensi  guadagni dalla tech e continuiamo a sostenerne l’applicazione, non possiamo più appoggiare un management  divenuto  corrotto.

Richard ed io abbiamo dedicato le nostre vite alla chiesa, ma siamo stati traditi sotto molti aspetti. Io sono cresciuta in Scientology, ho fatto il Corso di Comunicazione all’età di 9 anni e ho cominciato il mio addestramento in accademia a 12. Richard si unì allo staff di Seattle  Fdn e ci rimase per 13 anni.

Nonostante i molti guadagni  ottenuti dalla tech, i nostri anni di partecipazione ci hanno lasciato schiacciati dai debiti, in un cattivo stato di caso e trattati come esche da etica. Richard postava con il nome di Joe Doakes. Io postatavo con lo pseudonimo Clearly Mistreated (N.d.T. Chiaramente Maltrattata) e credo che questa mia lettera al C/S spieghi bene il nome. Dopo averla letta capirete perché eravamo già pronti ad aprire gli occhi quando sentimmo del Rundown della Verità nel luglio del 2009.

A: AOLA Preps HGC C/S

Via: D of P Lou Hayes

————————————

Da: Vicki Palmer, PC

Caro AOLA C/S, 7/3/06

Ti scrivo giusto per farti sapere cosa credo non vada nel mio caso e perché non intendo ritornare. Dopo 10 lunghi anni cercando di risolvere il mio caso, rimango ancora convinta di essere Clear. Nient’altro spiega ogni cosa altrettanto bene.

Per quanto io non sia ben addestrata nella tech,  conosco bene la tech di LRH sull’andare indietro fino a subito prima del punto in cui sono sorti i problemi ed è lì che c’era qualcosa di sbagliato. Il punto in cui stavo andando estremamente bene e avevo vittorie fu quando in origine pensai di essere Clear.

Ricevevo l’auditing al Celebrity Center Int  e mi ero indebitata di circa 60.000 dollari per fare il KTL, i Gradi e NED fino al punto in cui pensai di essere Clear. In quel momento non mi preoccupavano i debiti. Ero al settimo cielo. Tutto era cambiato. Non ero mai stata così felice.

Purtroppo questo durò un giorno perché il giorno seguente mi dissero che non ero Clear. Dovetti chiedere un ulteriore prestito di circa 40.000 dollari per auditing di riparazione e per il resto di NED dato che ero fermamente decisa o a convincerli che ero Clear oppure a diventarlo.

Lasciai CCi con il morale a pezzi. Ero triste e piena di debiti fin sopra i capelli.

Da allora sono 10 anni che continuo a lottare. Sono  stata a stento in grado di sopravvivere economicamente.  Sono stata mentalmente confusa. E’ qualcosa a cui ho letteralmente pensato quasi ogni giorno da allora, almeno un po’. Mi ha realmente esaurito e mi ha reso difficile godere della vita. Quello che sembrava un sogno che si era avverato si è trasformato in un incubo da cui non riesco a risvegliarmi.

Sono stata in diverse Org almeno 6 volte negli ultimi 10 anni nel tentativo di risolvere il problema. Non è mai stato risolto nulla, semplicemente me ne vado via più confusa e indebitata. Andavo via con nuovi “perché” ma nessuna Org è mai riuscita a convincermi che non sono Clear. Alcune si sono avvicinate molto ma mai stabilmente al 100%.

Non mi interessa proprio se sei o non sei d’accordo con me. Non ti scrivo per convincerti. Scrivo solo per spiegare ciò che penso e perché non mi rivedrai tanto presto.

Potrai liquidarmi come una che ha O/W o fuori etica, so di avere tutti i “sintomi”.  Ma non me la dai a bere. So che non è il mio “perché” e trovo irritante che si cerchi di impormelo. Questo non fa altro che confondermi e deprimermi ulteriormente.

So che è triste, ma per il momento ho rinunciato a fare il Ponte.  Devo andare avanti con la mia vita. Ho avuto un figlio ma ho rimandato la possibilità di averne altri perché volevo andare sul Ponte. Adesso è venuto il momento di mettere quel sogno in attesa. Un giorno tra circa 20 anni tornerò quando i miei figli saranno cresciuti e quando avrò denaro e tempo più che sufficienti da dedicare a fare il percorso alternativo.

Sino ad allora puoi semplicemente attaccare questa lettera in cima al mio folder e spedirlo in fondo al magazzino. L’unica cosa che posso fare ora è cercare di dimenticare tutto quanto sperando che si destimoli  in modo da poter vivere un pochino più felice d’ora in avanti. ti prego di non chiamarmi più perché farlo semplicemente restimola il tutto.

Distinti saluti

Vicki Palmer

Ho provato un tale sollievo da quando è stato indicato il corretto SP: DM.

Ecco un messaggio direttamente te, David Miscavige:

“Voglio indietro i miei folders e mio fratello. Sino ad allora puoi considerarmi ‘Theta il Problema’.”

ML,

Vicki Palmer

I Palmers

Partenza ed Arrivo con Decoro

Decoro:
s.m. Onore, prestigio di chi, di ciò che per meriti individuali, condizione sociale, e sim. è degno di grande considerazione e del massimo rispetto. (Zingarelli ’98)

Questa è la prima parola che mi è venuta in mente quando ho letto la seguente storia di Richard e Vicki Palmer.

Marty Rathbun

La mia storia completa in Scientology dovrà aspettare. Per quanto possa essere interessante per alcuni, divertente per altri, utile per altri ancora e catartica per me, è troppo lunga per essere postata qui.

Avendo iniziato nel 1988 ho avuto l’esperienza unica di essere in Scientology appena dopo la dipartita di LRH ma con l’Organizzazione ancora in possesso dell’”atmosfera” dell’era precedente (o almeno ciò che io immaginavo fosse). Ho avuto abbastanza fortuna da essere audito ed addestrato sia prima che dopo l’Età d’Oro della Tech. Ho ricoperto anche incarichi che mi hanno dato una visione unica della Chiesa.

Mi sono addestrato e ho fatto l’Internato come Supervisore del Corso e Chiaritore di Parole Professionale nel TTC e ho ricoperto il ruolo di Supervisore per qualche anno prima di ritornare nel TTC ed addestrarmi come Auditor e C/S. L’ultimo Posto ricoperto un un’Org è stato quello di Senior C/S, per un periodo di cinque anni.

Ho fatto addestramento, auditing, e lavori di staff a Los Angeles, Flag e sulla Freewinds. E grazie al mio status di staff ho incontrato persone e sono stato testimone di cose non accessibili a public. Questo mi ha portato ad avere sul soggetto molte dicotomie non riconciliate, lasciandomi con grossi conflitti nel corso degli anni. Alcuni esempi:

  • Leggere che ARC è il solvente universale ed essere testimone del LRH Comm di ASHO che “spacca la faccia” all’Ufficiale Comandante.
  • Studiare lungamente la formula della comunicazione ed il suo potere, solo per sentire in seguito David Miscavige (e staff Management di RTC Int) denigrare i miei colleghi con disprezzo volgare ad un Congresso dei Senior C/S.
  • Come contenuti extra di un film tecnico, vedere molti staff della Sea Org maltrattati, mentre uno o due venivano trattati da re.
  • Essere addestrato come Ministro ed arrivare a capire la benevolenza del soggetto, e lavorare con e vicino a partecipanti al RPF e vedere come venivano trattati.

Nonostante possa citare esempi su esempi di dicotomie come quelle sopra (come pubblico, come auditor, come C/S, come OT), sono andato comunque avanti col soggetto. Ero nello stato d’animo che c’erano molte più cose positive che accadevano, e mi ero bevuto le PR che il management superiore fosse un paradiso idilliaco dello standard; si trattava solo di noi stupidi giù nell’organigramma che pasticciavano le cose. Per molti anni sono stato il “bot” (programma software che genera risposte automatiche N.d.T.) ideale per la Chiesa. Ho promosso la linea di PR del Management e sono stato un modello quanto più vicino possibile alle loro aspettative. Se c’era un programma, ne promuovevo gli obiettivi.

Avevo delle linee di comunicazione speciali non a disposizione della maggior parte degli staff. Ero il Senior C/S così avevo un posto di Network; questo mi metteva direttamente sulle linee del Management. Avevo anche una linea diretta con RTC, completa con rapporti settimanali. E come Incaricato del Gioco del Compleanno, avevo altre linee di comunicazioni speciali. Anche essere un caro amico del DSA dell’Org mi ha messo su una linea di comunicazione speciale.

In quanto unico OT in entrambe le Org, Diurna e Fondazione, producevo più ore di auditing di confessione dell’insieme di tutti gli staff di entrambe le Org. Eppure mi ritrovavo continuamente in problemi di etica. Malgrado per oltre un decennio sia stato, per quanto ne sappia, l’unico staff a portare a termine un programma (acquisendo levatura per ciò dal Management), ero comunque un fallimento. E nonostante il reclutamento di oltre trenta persone come staff, attività di C/S per entrambe le Org e auditing in HGC e di Revisione, ero comunque downstat.

Anno dopo anno ho visto le cose cambiare. Le cose che ho menzionato prima erano “statistiche” che non quadravano negli Event. Erano cose che non avevano affatto attinenza su alcunché, o non erano direttamente correlate alle attività di un org. Sentire di “centimetri di colonne” nella stampa non aveva molto significato per me, dopo essere stato coinvolto con il DSA a far pubblicare nei quotidiani, qualcosa per le sue statistiche. E cose come “Numero di libri venduti” sono diventate prive di significato, quando ho visto i cari scientologist spenderci migliaia e migliaia di dollari; e quando la citazione “25 libri fanno uno scientologist” viene gettata nel calderone, fa veramente male.

Essere addestrato pre-GAT ed ottenere vera ARC in seduta era straordinario. Persino pasticciare o non sapere come procedere era a malapena un problema. Ero là con il PC e stavamo facendo entrambi del nostro meglio. Il C/S era premuroso e cortese con tutti e due; e perché non lo sarebbe dovuto essere? E, seppure gli internati fossero difficili, alla fin fine per il PC ero un amico. La GAT cambiò tutto ciò. Personalità, ARC, carisma, interessamento, tutto questo fu gettato dalla finestra. Ebbi una realizzazione appena dopo aver finito il mio addestramento GAT (che all’epoca ritenevo fosse ottimo; col senno di poi non lo era), cioè che con l’avvento della GAT non c’erano più auditor “bravi” o “pessimi”, c’erano semplicemente auditor.

Come Senior C/S ho visto come il soggetto fu sistematicamente rovinato; facendo il massimo per sfornare “auditor” robotici il più velocemente possibile. E portavo avanti dozzine di programmi per fare in modo che ciò accadesse. L’ironia è che la GAT è un tale cumulo di stronzate che non c’è modo che quei programmi vengano mai portati a termine. Sarebbe come avere una serie di programmi che “spengano il Sole” usando acetone; non potrà mai succedere, indipendentemente dall’impegno che ci si metterà.

Comunque, come scientologist, cercavo di fare del mio meglio. Andai attraverso i livelli OT, ero addestrato e sul posto in un’Org di Classe V, feci progredire mia moglie su per il Ponte, mio figlio era in una scuola di Applied Scholastic e facevamo persino donazioni nell’ordine delle migliaia di dollari per la IAS. Ma questo ha colmato la misura; questo era troppo dispendioso per una famiglia “normale”. Vidi i segnali negativi, benché troppo tardi. Ero già nei pasticci per ben oltre 100.000 dollari e non avevo neanche iniziato OT VII. Avevo lavorato giorno e notte ed i fine settimana per oltre un decennio ed ero stanco. C’erano pochissimi giorni liberi, niente ferie e nessuna normalità per mia moglie e mio figlio.

Nel 2002 terminai il mio contratto da staff e, come molti di voi sanno, non ci sono “Congratulazioni/Grazie” per aver concluso il contratto ed andar via. Oh, no. E mentre non ci sono orologi d’oro, ci può essere un goldenrod.

Fu avviata una Comm Ev un paio di mesi prima di concludere il contratto, emessa un mese dopo essere andato via (ma stavo ancora facendo C/S per entrambe le Org da casa). Le Conclusioni e Proposte (F&R) furono molto gravi. Dopo tutti gli anni di lavoro/scambio dato, tutti i miei certificati di auditor e C/S furono sospesi fino a retrain (insieme ad una lunga lista di altre cose). Fui lasciato con una irritante sensazione di essere stato “fortunato” per non essere stato dichiarato. Tuttavia tenni duro.

Appunto interessante; mia moglie mi fece notare che la maggior parte delle persone dopo aver lasciato lo staff (o aver ricevuto una Comm Ev) semplicemente spariscono. In un qualche futuro ci sarà un tentativo di “recuperarli” ed in quel momento viene loro rivelato quanto di valore e quali notevoli collaboratori fossero sempre stati. Ma decisi di andare controtendenza. Non ero un nemico di Scientology. Volevo che tutti vincessero!

Così fui coinvolto nel Comitato OT ed alla fine presi l’incarico di Vice Presidente. Io ed il Presidente eravamo seduti insieme a pochi altri e ci venne un’idea grandiosa; avremmo fatto un progetto a livello dei public per acquistare un edificio per l’Org! Iniziammo a lavorarci sopra e dopo un po’ localizzammo un edificio, lo ispezionammo e facemmo la checklist iniziale di azioni per l’approvazione del management. Era abbordabile ed era costruito e locato così da consentire l’aggiunta di altri piani per l’espansione futura!

Ma, come potete immaginare, l’edificio non fu approvato (senza che nessuno lo avesse visto) e l’OTC finì “nei guai” per aver agito senza autorizzazione. Fu più o meno allora che mi fecero un rapporto per conoscenza per essere “troppo su di tono” malgrado le mie F&R incomplete. Indubbiamente sarei dovuto essere più avvilito e stare quietamente fuori dalle linee. Beh, siccome nell’Org c’era una missione di Etica della Sea Org, questo singolo rapporto per conoscenza mi inchiodò,  e mi fu detto senza mezzi termini che se non avessi comprato ed iniziato immediatamente il Corso di Specialista di Etica, sarei stato dichiarato …

Mi misi sul corso e ci lavorai diligentemente. Feci del mio meglio per essere uno studente modello ed aiutai il supervisore (da me reclutato e tuttora nello staff, per quanto ne sappia), diedi vittorie, ecc … E, sì, lo completai nei tempi del checksheet.

A quel punto smisi di lavorare con l’OTC ed andai completamente fuori per mesi per completare le mie F&R. Perché ho fatto tutto questo? Beh, perché volevo mia moglie e perché volevo andare sulla Freewinds per fare il servizio di Debug per OT, naturalmente! L’idea era semplice. La promozione diceva che il 98% delle persone che fa questo servizio inizia il suo successivo servizio maggiore nell’arco di due settimane dal suo ritorno dalla nave. Pensai che mi piacevano le percentuali, perché non c’era modo che vedessi un servizio maggiore  per decenni (semplicemente dal punto di vista finanziario) visto il ritmo con cui stavano andando le cose. C’ero tutto dentro, al buio (gergo del poker).

Fu un’azione costosa ma anche un momento di svolta. Fare quel servizio costò ben oltre i 25.000 dollari (che non avevamo) ma ci aiutò ad aprire gli occhi come nient’altro. Fare il Debug ci portò ad uno dei momenti più deprimenti della nostra vita, ad una invalidazione per quanto riguarda intenzioni e capacità e ci lasciò senza via di sbocco.

Passammo gli anni immediatamente dopo il Debug recuperando le finanze. Non c’era la possibilità di fare altra attività del Ponte. Andai agli Event ed aiutai in tutti i modi possibili ma per quanto riguardava servizi/donazioni, ero ormai fuori gioco. Ero completamente a pezzi.

E questo è il perché l’OT Debug fu anche la cosa di maggior valore che avessi mai fatto da molto tempo. Io e mia moglie fummo d’accordo che la Chiesa non avrebbe potuto “aiutarci” ancora ed avremmo dovuto contare solo su noi stessi. Mi permise di fare un passo indietro e fare ciò che ritenevo fossero le cose giuste: lavorare, pagare i debiti accumulati, non ricadere mai più in quel tipo di debiti, ecc. Sortì l’inaspettato effetto di farmi vedere quanto fosse andata fuori strada la Chiesa dai miei primissimi inizi.

Nel corso dei pochi anni successivi di sola frequentazione degli Event (ma senza fare servizi o donare) vidi un vago schema, e richiami di memoria di circostanze analoghe precedenti che le avvallavano. Il mio unico pensiero era che in qualche momento futuro le cose sarebbero state diversamente. Non avevo più nulla in serbo da dare, così non ero veramente in grado di “lanciarmi a sistemare le cose”.

In luglio del 2009, io e Vicki scoprimmo gli articoli e i video del St. Petersburg Times. Ovviamente ero molto ben informato riguardo Marty, il suo posto e rapporto all’interno di RTC. Altrettanto sugli altri che offrivano testimonianze video. Chiaramente non li conoscevo tutti e neanche quelli che lavoravano/vivevano con loro, ma paragonato ad un “non-SO”, avevo una conoscenza ben superiore alla massa.

Fu a dir poco uno choc. Il “problema” che ebbi era come tutto quanto all’improvviso aveva un senso per me. La Chiesa vorrebbe far credere alle persone che siano le testimonianze date in quei video a causare gli effetti negativi negli scientologist capricciosi. Ma questo è uno schiaffo in faccia che si danno da soli. Per ANNI ho osservato fatti, avendo solo dati parziali, impossibilitato ad accertarne la verità a causa di dati incompleti. Nessuna spiegazione data dalla Chiesa mi fece MAI quadrare tali dati. Ma questi video lo fecero in pieno.

Iniziai a pensare a come operavano bene i piccoli gruppi di Libro Uno e di gruppi improvvisati. A come sembravano lavorare bene le Missioni, rispetto alle Org di Classe V. Ed a come fosse sempre più difficile ottenere un lavoro eseguito quanto più in alto sull’organigramma si saliva. Stavo avendo flash di memoria di cose osservate in Org di Classe V, ASHO-AO, di come molto più malamente venivano trattate le persone a Flag, sulla Freewinds, com’era al CLO/FOLO ed al FB. Più in alto si andava sull’organigramma PEGGIO ANDAVANO LE COSE! Ma io vidi solo su fino al FB, quindi non fui mai testimone di abusi a Int. Ma adesso ha un senso: l’idea delle cose che “calano giù dall’organigramma” era assolutamente vera.

Adesso ha un senso perché nelle SO Org i Rappresentanti di RTC erano le persone più sgarbate, più ostili, out ARC, che abbia mai incontrato. Ha un senso perché gli MAA delle Org superiori erano così interessati ad overt insignificanti. Spiega perché ogni EO di Org di Classe V alla fine agiva come un stronzo, pretendendo di essere un personaggio importante con un “distintivo”. Spiega perché il network di OSA aveva il personale più trasandato, più nessun-miglioramento-di-caso di tutte le loro linee. Perché così tanti soldi andavano alla “difesa” delle Org. Perché la Chiesa aveva bisogno di così tanti avvocati. Perché le PR della Chiesa erano così pessime su scala mondiale. E perché il soggetto era usato sui fedeli così come era usato.

Dal momento in cui ebbi queste realizzazioni, me ne andai …

Non esiste un modo con cui possa sostenere, scusare o tollerare un’organizzazione che tradisce il fondamento più profondo della sua esistenza. La Chiesa di Scientology è diventata fraudolenta, violatrice di diritti umani, cultrice della cupidigia.

Il gradino tre della Formula di Dubbio cita: “Stabilire in base al ‘maggior bene per il maggior numero di dinamiche’ se dovrebbe  o meno essere attaccato, danneggiato, soppresso o aiutato.

Io credo fermamente che la Chiesa non meriti più “aiuto” …

Richard Palmer

 

“C’è Posta per Te”

Riteniamo che l’elemento soppressivo nella Chiesa può essere fatto svanire se abbastanza persone si attivano e fanno conoscere la verità ai public di Scientology. Sono i public che conferiscono potere alla soppressione e la finanziano. Le persone con la migliore opportunità di comunicare la verità siamo noi: ex e scientologist indipendenti.

Dopo un anno di ricerche su Internet, io e Richard abbiamo acquisito la certezza che la Chiesa attuale sia corrotta fino alle fondamenta e che non possa essere messa a posto dall’interno. Ciononostante abbiamo sentito la necessità di fare qualcosa. Dopo mesi spesi a valutare la situazione e le soluzioni potenziali, abbiamo concepito il nostro piano generale. Abbiamo scritto ed inviato via e-mail al campo di Seattle la “Dichiarazione di SP” nei nostri confronti! Alcuni giorni dopo, a seguire queste mail, ne abbiamo inviate altrettante al campo di Seattle indirizzandolo al nostro sito internet  www.ethicsorders.org. [Si tratta di una finta dichiarazione, in realtà, impostata in modo da esporre le malefatte della Chiesa. N.d.T.] Inutile dirlo, questo ha acceso una polveriera a Seattle!

Gli scientologist hanno aperto le loro caselle di posta per vedere una busta bianca con dentro un inequivocabile foglio goldenrod. In cima all’indirizzo del mittente c’era un’annotazione che citava “E/O Seattle”. Tutti i riscontri che abbiamo ricevuto dicevano che le persone si sentivano spinte ad aprire queste lettere ed a leggerle fino in fondo.

Nonostante la maggior parte delle comunicazioni esplicite, ricevute da attuali membri della Chiesa, fosse avversa, rappresentano pochissime persone; il gran silenzio la dice lunga.

Durante la prima settimana, le statistiche del nostro sito sono state “dritte in verticale”, con ciascun visitatore che ci rimaneva per una media di otto minuti guardando le sei pagine del sito, prima di uscirne.

Il piano era concepito per recapitare i nostri messaggi usando una linea di comunicazione conosciuta. Speravamo di eludere i blocchi mentali degli scientologist, che hanno impedito loro di guardare; almeno abbastanza a lungo da portarli a farsi delle domande. Sapevamo che questo innesca ben bene, essendo stati noi stessi da quella parte. Utilizzammo la notorietà locale che avevano Tony, Marie-Joe, Bert, Lynne e tutti gli altri. Speravamo che gli scientologist locali sarebbero stati interessati a leggere di qualcuno a loro noto, così come io e Richard abbiamo ascoltato la testimonianza di Marty perché lo conoscevamo.

Per di più, nessun scientologist può trattenersi dal leggere un goldenrod! La Chiesa è rimasta senza difese, dal momento che si sono rifiutati di divulgare una dichiarazione autentica, in diretta violazione della Policy di LRH. Sono privi di difese, perché non c’è difesa contro la verità.

La Chiesa crede di poter andare in giro a dichiarare le persone, sperando che queste spariscano. Ciò che in realtà stanno facendo, è di creare un mistero nella mente di tutti quelli che le conoscevano. Un vuoto in attesa di essere colmato. Possono continuare a disconnettere da noi, ma noi continueremo a comunicare. Comunicazione, non disconnessione, è il solvente universale.

Cordiali saluti,

Vicki e Richard Palmer

Seattle, WA

Annunci
7 commenti leave one →
  1. Diogene permalink
    8 aprile 2011 2:43 AM

    Questa dichiarazione è UN MONUMENTO…

    (Ottima la traduzione)

    La dea Minerva ha già preso posizione… (Credete agli OT vero?)

    • Gonos permalink
      8 aprile 2011 10:07 PM

      (Ti ringrazio per il complimento) Questa storia è esemplare di quanto duramente debbano lavorare nella CO$ per riuscire a piegare un OT fino a farlo scappare a gambe levate.

  2. LIBERO permalink
    8 aprile 2011 4:02 PM

    Bene, bene… Che ne direste se vi comunicassi gli overt disgustosi perpetrati da Scientologist ed executive? Questa è un Org molto importante e costoro sono considerati virtuosi ed onesti… Immancabilmente vengono nascosti e coperti e nessun foglietto viene appeso… Oltre ad altri overt che nemmeno conosciuti dall’ MAA o ufficiale di Etica.
    Tranquilli non sono una me.da come DM e non li usero’ mai. Caro Indipendentolo non so voi ma uno dei motivi della mia fuoriuscita dalla C. di S. è stato il degrado morale ed etico a cui ho assistito personalmente. Di certo non porterei i miei figli all’org.

    Statemi bene e rincuoratevi non avete perso niente solo di guadagnato.

  3. shila permalink
    8 aprile 2011 4:11 PM

    Esatto Diogene hanno realizzato molto più di una dichiarazione! Pass!

  4. AlessandroMagno permalink
    8 aprile 2011 5:14 PM

    fanTAsTiciiiiii!!!!! 😀

  5. gargamella permalink
    8 aprile 2011 5:37 PM

    Mi sa che i poveri scientologi che ancora frequentano le Orgs sugli occhi non hanno solo le fette di salame. hanno tutto il menù!
    Gargamella

  6. Mirko permalink
    8 aprile 2011 8:35 PM

    La C of S Spa non è una chiesa, è una Setta malsana, dove cercano di implantare gli staff per farli lavorare come degli schiavi, e dove cercano di implantare il pubblico per spremergli tutto il sangue ( $) possibile.
    Purtroppo fino ad ora il loro sporco lavoro ha fatto molto danno.

    Ma adesso per loro è finita, stanno arrivando gli Indipendenti: persone integre, mentalmente sane, abili e scaltre quel che basta per abbattere questo impero settario ed il suo tiranno malefico.

    LEGGI BENE LA DEFINIZIONE DI SETTA: E NOTA SE SI ADATTA ALLA C of $ of DM:

    Il termine “setta” deriva dal latino “secare”, cioè “tagliare” o “dividere”.

    Ciò può essere inteso in due modi:
    il primo è l’idea di un ristretto gruppo che si distacca da una chiesa preesistente.
    Questo non ci autorizza a dare al termine una connotazione negativa.

    Il secondo è quello di gruppo che crea nei propri aderenti una “divisione” netta tra i propri aderenti ed il mondo esterno.

    Questo “taglio” o “muro” non è necessariamente di tipo “fisico” , anzi spesso gli appartenenti ad una setta si presentano come persone normali ed educate, ma quasi sempre di tipo “psicologico”.

    Quali sono allora le caratteristiche che danno ad un gruppo religioso (a prescindere che sia piccolo o grande) le connotazioni di “setta” con significato negativo?

    1) Le “guide spirituali” di queste chiese si arrogano un’autorità eccessiva, tendente ad avere un controllo totale dei propri membri.

    Ogni singolo aspetto della vita degli aderenti è sottoposto a regole, ancorché spacciate come “consigli”, che non vengono messe in discussione in quanto le “guide” affermano di avere un’intelligenza delle Scritture che nessun altro ha. “Essi conoscono la Verità”.

    Per gli aderenti quindi, mettere in discussione le guide equivale a mettere in discussione Dio.

    È di fatto proibito il pensiero autonomo.

    2) Le guide usano tecniche di pressione psicologica per ottenere il controllo e la fedeltà dei propri membri.
    Le tecniche di manipolazione più usate sono: uso del senso di colpa, pressione del gruppo, minacce di castigo di Dio a chi disubbidisse, ecc.

    Un’altra tecnica peculiare di ogni setta è l’isolamento dell’individuo. I membri devono interrompere i rapporti con parenti ed amici nel mondo, o ridurli al minimo necessario in quanto: “questi esterni sono mezzi che usa Satana per deviarli dalla Verità conquistata”.

    L’isolamento e l’emarginazione totale sono inoltre la punizione per i dissidenti che non si pentono.

    3) Stile di vita improntato all’osservanza rigida di norme e divieti in merito ad abbigliamento, rapporti con l’altro sesso, possibilità di partecipare alla vita sociale, ecc.

    La lealtà alla chiesa ha la priorità sulla lealtà alla propria famiglia.

    Il tempo libero, da dedicare a se stessi e/o alla famiglia, viene ridotto al minimo dovendo dare la priorità alle attività richieste dalla chiesa.

    4) Trasformazione del significato delle parole. Questa è una tecnica descritta da Orwell nel suo famoso romanzo “1984”.
    Permette di controllare meglio il pensiero dando nuove definizioni a termini “pericolosi” come : “verità”, “libertà”, ecc. . In questo modo il pensiero dell’individuo è sempre più conforme a quello dei “Capi”.

    5) Condanna delle altre chiese: tutte le altre dottrine o metodologie indistintamente fanno parte del “sistema satanico”,in opposizione al loro Dio che invece “riconosce” esclusivamente gli aderenti a quella specifica setta.

    6) Complesso di persecuzione: è la conseguenza del precedente.

    Ogni critica verso la setta da parte di singoli o di gruppi viene vista come una forma di persecuzione, nei confronti della setta, e di conseguenza questa è una “prova” che loro sono una vera chiesa “perseguitata da Satana”.

    7) Abbandono doloroso: i membri delle sette, anche quando nutrono dei dubbi, hanno paura di abbandonarle a causa dell’intimidazione, dei sensi di colpa, della pressione psicologica e della minaccia dei castighi. Isolamento immediato e “giudizio di Dio” dopo.

    Queste sono alcune delle caratteristiche che permettono di considerare un gruppo religioso come una “setta”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...