Skip to content

BLOWN FOR GOOD CAPITOLO n° 5

29 marzo 2011

ABLE INTERNATIONAL LOS ANGELES

Traduzione a cura di

Simon Bolivar

§§§§§§§§§

Capitolo cinque

La Policy della verità

 

Mi ero ormai radicato nella mia abituale routine di Segretario Tesoriere ad ABLE Int. Ero relativamente felice di come le cose stavano andando. Venivo pagato all’incirca 250 $ la settimana, avevo poche spese e non avevo tempo di spendere i soldi che stavo guadagnando.

Avevo risparmiato parecchie migliaia di dollari e potevo comprarmi un sacco di vestiti nuovi e oggetti personali quando ne avevo bisogno.

Anche mia sorella stava facendo bene. Era ancora nell’Ufficio Comunicazioni di Hubbard e nella sua divisione erano arrivati altri due o tre staff. Una era una ragazza messicana che venne assegnata al posto di Master of Arms, Il suo nome era Betty Gonzales. Era la responsabile per il controllo su tutti gli staff e si assicurava che facessero le cose che si supponeva facessero e quando si supponeva lo dovessero fare. Non sono sicuro di cosa disse Stephanie a questa ragazza, ma sembrava che avesse più tempo da dedicare a me che ad ogni altro staff di ABLE. Se mollavo un attimo su qualsiasi cosa, compariva Betty. Ero certo che Betty ce l’avesse con me. Non feci molti sforzi per evitarla, ma quando mi cercava per qualcosa, la ignoravo. A lei non piaceva la mia attitudine e si assicurò che ne fossi consapevole.

Una mattina, l’intero nostro staff venne informato su di una missione in arrivo dalla Base Internazionale e che parecchi membri dello staff sarebbero stati intervistati. Una missione solitamente comprendeva uno o due membri della Sea Org che venivano mandati da una Base della Sea Org per risolvere, su base urgente, una situazione. ABLE aveva mandato alcune missioni al Narconon e anche altre ad Applied Schoolastic per risolvere situazioni o problemi locali. Generalmente, quando arrivava una missione, era stata mandata da uno scaglione superiore, e qualsiasi cosa il personale della missione ti ordinasse di fare, era esattamente ciò che dovevi fare. Si scoprì che avevano una lista di persone da portare con loro alla Base Internazionale.

I giorni passarono, qualcuno mi disse di aver visto quella lista e che sopra c’era il nome di mia sorella! Andava bene per me. Non sapevo molto sulla misteriosa Base, eccetto che sembrava il posto dove erano di stanza gli executives. In più, se mia sorella fosse stata promossa, ne sarei stato felice per lei. Non mi aspettavo di essere promosso troppo presto dato che mi avevano appena rimosso dal mio posto precedente di Segretario dell’Area di HCO ed ero, come staff, uno strappo al sistema in termini di obbedienza, indiscutibilmente.

Uno dei missionari si incontrò con mia sorella, e di certo, lei era sulla lista. Avrebbe girato il suo posto a Betty, il Master of Arms, e sarebbe andata sul suo nullaosta. Oh, benone, verifica di sicurezza. Non mi sarei perso quel pezzo per niente al mondo. Buona fortuna a Stephanie. Speranzosamente, ce l’avrebbe fatta a superare la verifica di sicurezza. Se ti mettevano sulle linee per un nullaosta, si dava per certo che avessero revisionato i tuoi files personali e che dentro non ci fosse nulla di cosi cattivo da squalificarti nell’assumere un certo posto o di venire assegnato alla Base Internazionale. Più in alto sali negli scaglioni di Scientology, più severi sono i requisiti. Quando ce l’avevi fatta per Int, potevi eventualmente elevarti al Religious Technology Center, che aveva i più severi requisiti di ogni organizzazione nel mondo di Scientology. Devi essere stato un santo per tutta la vita per poter qualificare. Un sacco di persone ometteva convenientemente certe cose dalla storia della sua vita o dalle schede del personale, cose tipo; quando avevano rubato in un negozio, o furono arrestati per aver fumato erba, o qualsiasi altra cosa che non volevano rivelare. Queste erano il tipo di cose che venivano fuori nella verifica di sicurezza all’e-meter. Se avevi qualche oscuro segreto che non avresti mai detto a nessuno, sarebbe venuto alla luce dopo 50-200 ore di interrogatorio sull’e-meter, che per la maggioranza delle persone era l’equivalente di essere attaccati ad una macchina della verità mentre si veniva interrogati senza fine per ore sui tuoi pensieri e segreti più intimi.

Alcune persone che erano qualificate “sulla carta”, di routine non venivano mai inviate, perché nelle verifiche di sicurezza venivano alla luce fatti che li squalificavano. Queste persone venivano solitamente assegnate da qualche parte a LA o a volte all’Holywood Guaranty Building. Qualche volta, se venivano alla luce cose considerate gravi, venivano buttate fuori a calci dalla Sea Org. Il caso peggiore di cui avevo sentito parlare era di un ragazzo che lavorava ad ABLE Int e precedentemente al Narconon. Ancor prima di lavorare al Narconon, era un dipendente da droghe recuperato. Il suo segreto non era al sicuro. Venne fuori, probabilmente in una session di verifica di sicurezza, che condivideva la siringa con una ragazza che ora era affetta da HIV+. Non appena usci dalla session venne portato in un laboratorio per fare delle analisi e risultò positivo all’HIV. Venne scortato fuori dal palazzo e dalla Sea Org in appena un ora. Nessuno lo vide più.

Cosi sarà meglio che Stephanie non abbia omesso nulla nel formulario sulla sua vita! Non ché abbia mai condiviso siringhe con qualcuno o che abbia mai potuto fare qualcosa di cosi pesante, aveva solo 15 anni e non si era mai messa in nessun tipo di guaio di cui io potessi ricordarmi.

Due dei missionari vennero a trovarmi nella mia area. Supposi che erano lì per informarmi su Stephanie che stava andando sulle linee per il nullaosta. Si presentarono e mi diedero un Telex da leggere. Scientology usava ancora i TELEX negli anni 90! Si, avevano tutto un sistema di numeri e dovevano essere scritti in un certo modo, c’era veramente un corso su come scriverli! Tuttavia, mi diedero questo Telex che era di pochi paragrafi e riguardava come il Management Internazionale si stava preparando alla più grande disseminazione della storia di Scientology e c’era bisogno che un sacco di persone si trasferissero al Quartier Generale perché questo potesse accadere. A seguito del testo c’era una lista di 50 nomi che dovevano prendere parte a questa disseminazione. Conoscevo alcune persone, ma per la maggior parte era una lista di nomi di persone che non avevo mai sentito nominare. Vidi il nome di mia sorella e mi senti a posto, gli diedi indietro il telex. Mi chiesero come mi sentivo a riguardo e io dissi che ero felice per mia sorella e che gli auguravo buona fortuna. Si guardarono a vicenda un po’ sorpresi e mi chiesero di rileggere la lista.

Non avevo letto l’intera lista, mi ero fermato dopo essere arrivato al nome di mia sorella, avevo già visto tonnellate di nomi che non significavano nulla per me. Ma eccolo là, chiaro come non mai – il mio dannato nome! Il mio nome era sulla lista! Non ci potevo credere. Pensai che qualcuno avesse fatto un errore, come diavolo c’era finito il mio nome in quella lista? Non ero stato assegnato al posto ufficialmente ed era vero. Ero solo stato rimosso da un posto e, a livello locale, ero fottuto per ABLE. Avevo anche 16 anni, non avevo esperienza in nulla. Perché il mio nome era sulla lista? Arrivai in fondo alla lista e lessi il nome della persona che aveva scritto il telex e compilato la lista: Watchdog Commitee Programs. Era la mia vecchia amica della Delphi – Ali Mintz. Lei aveva messo me e mia sorella sulla lista perché ci conosceva. Che razza di truffa! Come potevo sperare di passare in mezzo ad una verifica di sicurezza? Sperai, qualsiasi cosa fosse venuta fuori, di non finire nel Progetto Forza di Riabilitazione .

I missionari videro dal mio sguardo che avevo notato il mio nome. Questo telex prese interamente un diverso significato ora. Nientedimeno rilessi l’intero coso ora che mi riguardava e che non era un ordine casuale arrivato dall’alto di un soffitto di cristallo. Ero ad un punto morto. Non potevo rifiutare una promozione. Era come se avessi ammesso di avere degli scheletri nell’armadio, o una miriade di altre cose, ma il succo era che avrei sfidato il loro codice di etica, non importa quale ragione avessi adottato per rifiutare. Solo allora pensai a quella policy su qualcuno che doveva essere rimpiazzato prima di potersi spostare su un altro posto. Fu la mia grazia salvatrice. Ci potevano volere mesi prima di reclutare qualcuno per riempire il mio posto, e anche cosi, avrebbe dovuto fare il programma d’ingresso, e poi avrei dovuto girargli ogni cosa e le carte delle tasse per l’IRS dovevano essere completate. Cosi sperai che ogni cosa andasse a posto e che ce l’avrei potuta fare se mai fossi stato rimpiazzato sul mio posto. Sorrisi e li ringraziai per essere venuti.

Gli chiesi cosa avevano pianificato per il mio avvicendamento. Tecnicamente c’era una scappatoia su questa parte, perché non ero mai stato ufficialmente assegnato come Treasury Secretary, non dovevo quindi essere ufficialmente rimpiazzato. Essenzialmente, ero libero di andare!

Scrissi le cose che facevo ogni giorno e le allungai al nuovo Cope Officer, Betty. Lo sguardo sul suo volto fu senza prezzo. Stavo per essere promosso e Betty, il mio cane da guardia, non poteva credere che stesse accadendo.

La maggior parte delle persone che lavoravano ai nullaosta erano parte dell’organizzazione dei Messaggeri del Commodoro. Lavoravano all’undicesimo piano ed erano giovani ragazze e pochi ragazzi. Avevano un sistema molto preciso di cosa serviva ad ogni persona per passare attraverso il nullaosta e procedere in direzione della Base Internazionale. Il problema era che poche persone erano state approvate per la promozione e tante persone venivano tenute sulle verifiche di sicurezza perché i loro panni sporchi iniziavano a prendere aria.

Non riuscivo ad immaginarmi come potessi superare la mia verifica di sicurezza dato che quando saltai la scuola per un intero anno ed ero il classico bimbo senza regole causai la mia parte di guai.

La persona incaricata del nullaosta era una ragazza chiamata Claudia Olander. Claudia era europea ma non si capiva. Era rimasta negli Stati Uniti abbastanza a lungo da perdere la maggior parte del suo accento, era Svizzera. Aveva lunghi capelli scuri ed era slanciata. Era nei suoi 20 anni, pensai fosse una delle più belle ragazze nel palazzo. Ebbi difficoltà nell’ascoltarla mentre mi parlava perché la mia mente vagava. Perdio era carina.

Passai il mio primo giorno sul nullaosta facendo dei test e compilando dei formulari sulla “Storia della mia vita”. Era esattamente questo. Dovevo scrivere la mia intera vita fino a questo punto. E questo includeva QUALSIASI esperienza sessuale avessi avuto, con chi e in quale data era avvenuto. Dovevo elencare ogni amico che avevo, passato e presente, con i relativi nomi e dove vivevano, qualsiasi cosa della mia vita doveva essere scritta sul formulario.

Il mio Auditor – In Scientology “Consulente” – era una donna chiamata Pat Bromley. Proveniva dall’Ufficio del Senior Case Supervisor International. Era una donna adulta, slanciata, una bionda carina e mi pareva abbastanza felice ogni volta che la incontrai. Era un tipo che anche immaginandomela arrabbiata o turbata potevo allo stesso tempo figurarmela mentre mi allungava un biscotto. Era verosimilmente incapace di arrabbiarsi. Era l’Auditor perfetto per me. Iniziammo con il Sec Check e mi chiese ogni sorta di cosa che non mi sarei aspettato.

Se ero il reporter di un giornale? Ero un spia? Se avevo legami con case farmaceutiche? Ero mai stato ipnotizzato? Se ero mai stato sottoposto ad elettro-shok? Avevo mai consumato Polvere d’Angelo? Se ero un infiltrato operativo di una agenzia governativa? Avevo mai parlato male pubblicamente di Scientology in articoli di giornale? Ero ricercato dalla polizia? Avevo una famiglia impiegata nel governo e avevano un nullaosta per un livello superiore di sicurezza? Le domande andarono avanti per pagine e pagine. Ogni tanto si fermava e mi chiedeva se stavo pensando a qualcosa. Gli risposi “Nulla, solo che non sono coinvolto in nessuna delle cose che mi stai domandando”. Dopo il primo gruppo di domande, mi informò che non c’era bisogno che rispondessi verbalmente, e che l’e-meter gli avrebbe fornito le mie risposte. Cosi invece di dire “no” dopo ogni domanda chiesta, potevo solo rimanere là seduto ad osservare lei, il muro o lo stesso e-meter. Fantastico. Sarà semplicissimo.

La mia verifica di sicurezza durò tre giorni interi, sembravano esserci centinaia e centinaia di domande. Dopo le prime ore durante il primo giorno, cercavo di estrovertermi per non cadere addormentato. Pensai tra me e me quanto fosse incredibile che a certe persone gli ci volessero mesi per attraversare tutto questo, la gente avrà avuto dei “si” in risposta alle domande per metterci più tempo dei pochi giorni che ci misi io. Pat era felice, io ero felice. Da parte mia potevo dirlo, avevamo finito.

Ma dopo l’iniziale lista di domande, c’era un’altra lista che riguardava la prima lista! Fu uno shock. Una lista di domande riguardante la lista che mi era appena stata chiesta. Questa volta fu un altro tizio che mi fece questa nuova lista. Il suo nome era Bruce Hines, anche lui lavorava nell’Ufficio del Senior Case Supervisor International. Sembrava un tipo simpatico e la lista non era poi cosi lunga. Avevo detto una bugia su una risposta? Avevo pensato ad un’altra risposta mentre mi veniva chiesta la domanda? Avevo influenzato l’e-meter di proposito per evitare di rispondere a una domanda? Tutto ciò che pensai mentre mi faceva la domanda fu che non avevo risposto a nessuna domanda! Stavo seduto là senza pensare a nulla o a quanto Pat fosse una tipa carina anche se aveva 15 anni più di me, a come sarebbe  stata bene sotto le lenzuola! E quando non pensavo a Pat, mi immaginavo di farmene un paio con Claudia!

Dopo che Bruce ebbe finito mi disse che il folder sarebbe andato su e che il completamento del lavoro da parte degli staff per la mia promozione sarebbe stato finito nei prossimi giorni.

Ritornai all’unità per i nullaosta e Claudia mi disse che la mia proposta di promozione sarebbe arrivata a Int. la notte stessa per la revisione! Era Martedì e potevo potenzialmente ricevere l’approvazione ed essere alla Base Internazionale per Giovedì se eravamo fortunati. La proposta di promozione era una Completed Staff Work. Se vuoi fare una qualsiasi cosa nella Sea Org, devi avere un Completed Staff Work approvato per poter ottenere l’autorizzazione a lavorare. Se volevi andare a trovare tua madre in città per un giorno, dovevi ottenere un CSW approvato per poterlo fare.

La maggior parte delle persone nell’unità dei nullaosta fu sorpresa nel vedermi sfrecciare attraverso le mie verifiche di sicurezza in meno di una settimana. Claudia aveva scritto cosi tanti CSW per dei nullaosta, che aveva già scritto il CSW e piazzato il mio nome negli spazi appropriati. Mi disse, per pompare maggiormente la cosa, quanto fossi brillante e che veramente ero il tipo giusto da mandare alla Base Internazionale. Dopo tutte le cose dette e fatte, nella mia poco impressionante storia di vita, riuscì a farmi sembrare come se io fossi un dono di Dio per la Sea Org.

La proposta di promozione ora sarebbe stata inviata al quartier generale e saremmo stati informati se c’erano altri dubbi. Claudia mi disse che c’erano sempre dei dubbi e che queste cose potevano andare avanti e indietro per settimane prima di essere approvate o rigettate.

Il giorno seguente rimasi nell’ufficio nullaosta ed aiutai Claudia con il suo lavoro. Portavo i folder alle persone nel palazzo e raccoglievo i test della gente e altri lavori mentre aspettavo per i risultati.

Fu dopo pranzo che Claudia ricevette una chiamata dalla Base Internazionale. Non riuscivano a capire come potessi qualificare se ero nella Sea Org solo da nove mesi. C’era una qualifica che diceva che dovevi avere un anno di esperienza nella Sea Org prima di spostarti al quartier generale. Claudia gli disse che avevo lavorato alla Delphi per sei mesi e che quelli più il tempo passato ad ABLE, mi qualificavano. Se la bevvero. Gli dissero che la mia proposta di promozione stava andando all’ultimo terminale per l’approvazione e che ci saremmo risentiti prima di notte.

Alle 8,00 p.m., Claudia entrò nell’ufficio mentre stavo valutando i test di qualcuno e mi disse che ero stato approvato! Santa merda, Questa è velocità! Vado per davvero. Sta succedendo veramente. Mi disse che sarei stato condotto al mio appartamento per prendere la mia roba e che sarei stato portato alla Base quella notte stessa. Potevo solo immaginarmi quanto sarebbe stato lungo il viaggio per arrivarci, dato che non avevo nessun indizio di dove fosse la Base internazionale.

La posizione di Int era strettamente confidenziale, nessuno effettivamente parlava mai di dove fosse o di qualsiasi altra cosa riguardante la materia. Se sapevi dov’era o eri stato là e lo rivelavi a qualcuno, tu, assieme a chiunque lo avessi rivelato, sarebbe stato istantaneamente assegnato al Progetto Forza di Riabilitazione! Per questa ragione, non pensai mai realmente alla sua posizione, ma me la immaginai da qualche parte a nord di Los Angeles. Tutti si riferivano ad essa come “su” cosi assunsi che fosse a nord, forse a Sacramento o a San Francisco. Avevo visto alcune foto di “Gold”, abbreviazione di Golden Era Production, anche conosciuta come Base Internazionale, ed ogni cosa appariva cosi verde. Questo, sommato con il “su”, Int doveva trovarsi da qualche parte con molto verde.

Una ragazza di colore chiamata Renee Norton mi incontrò all’unità per i nullaosta. Spiccava tra gli altri perché c’erano solo 10 persone di colore che avevo visto in Scientology, cosi mi ricordai di aver visto questa donna da qualche parte. Aveva alcune barre dorate sulle spalline e tutti la chiamavano “Sir”. Nella Sea Org si chiamavano “Sir” tutti i senior officer, senza riguardo al sesso. Renee mi disse di essere il SuperCargo di New Era Production e che mi avrebbe guidato alla mia nuova casa a Gold.

Arrivammo al parcheggio di fronte all’Holywood Guaranty Building. Mi guidò ad una vecchia Nissan Hatchback rossa parcheggiata in mezzo alle altre.

“Wow, ma questa cosa ce la farà ad arrivare ad Int?” sperai di si.

Ci fermammo al mio appartamento vicino al Complex e presi i miei vestiti e alcune delle mie cose. Disse che il resto sarebbe stato impaccato e spedito nei prossimi giorni.

 

Prendemmo la strada diretti a Gold.

 

 


 

 

 

Annunci
9 commenti leave one →
  1. Tiziano Marzotto permalink
    30 marzo 2011 8:54 AM

    Benvenuto Ferruccio, anche se non ti conosco.
    Mi sembra che Scientology indipendente stia recuperando persone fuori dalle linee in quantità decisamente superiore a Scientology spa, e senza tante session di riparazione e quant’altro previsto in questi casi.
    E questo fa riflettere su quanto potrebbe essere fiorente oggi Scientology senza il noto engram di terza dinamica.

  2. G. Bonzani permalink
    30 marzo 2011 12:04 PM

    Ciao Ferruccio, ti ricirdi di me? Molti anni fa, siamo stati insieme a Coverciano per proporre i Purification R/d al medico della nazionele italiana di calcio Fino Fini. Purtroppo solo per presentarlo sulla rivista “il calcio”, che ha una tiratura di decine di migliaia di copie, ha chiesto in cambio la Luna.
    Ti saluto,
    Giovanni

  3. LIBERO permalink
    30 marzo 2011 3:24 PM

    Da queste testimonianze è evidente di come DM usi il bottone dell’AIUTO e della sua falsa’”autorità” e falsa “qualifica” x sabotare la tecnologia e l’organizzazione e denigrare gli scientologist. Direi che cialtrone e vigliacco siano gli aggettivi corretti x definire DM. L’entheta chiamato con gli aggettivi CIALTRONE-VIGLIACCO sviluppato da DM che spinge giu su tutta la linea sta avvelenando l’intera organizzazione.
    L’orgoglio di essere un cialtrone-vigliacco. Di rubare, sfruttare e dominare. Non ho mai visto tanta ipocrisia in tutta la traccia. Almeno Hittler diceva e agiva da pazzo e te lo potevi aspettare. Ma questo se solo il 10% dei rapporti sono veri è veramente una schifezza umana… NON HO PAROLE… LA SCHIFEZZA FATTASI UOMO.

  4. Diogene permalink
    31 marzo 2011 2:05 AM

    Ho paura (si fa per dire) che il piano malefico di Missatanicc contempli uno scenario ancora più terrificante…

    Mettete a letto i bambini… e affrontiamo un’ipotesi…

    Risulta sempre più evidente che escono sempre meno auditor a tutti i livelli… La lunga pausa imposta per i Fondamenti, che ora frena anche chi vorrebbe proseguire l’accademia, stimolerà più gente a diventare auditor o semplicemente sta rendendo la strada in salita ripida e verticale per scoraggiare anche i più volonterosi?
    L’auditor perfetto non è ancora stato inventato e quindi praticamente nessuno supererà l’esame…del guanto immacolato di Sua Satanità DM.

    L’immagine che sto per proiettare è orribile, ma… gli auditors diminuiscono mentre la popolazione mondiale cresce incessantemente. Non solo… perchè se satana fosse all’opera per sconvolgere il Ponte e MANTENERE schiave le persone, manderebbe in giro per il mondo gli auditor meno addestrati e squirrel PER AIUTARE…e promettere…
    E’ successo tante volte sulla traccia… nessuna religione è rimasta pura ed efficace… i protettori e i castigatori di corpi arrivano sempre nelle alte sfere e i thetan si chiedono come mai non riescono a volare neanche con la fantasia…

    Prima il Gran Maestro Misotutto parlava di 10.000 OT… poi di Opere Murarie Grandiose ai crocevia della Terra… ora dice che gli servono almeno 500 staff-kamikaze per spingere il Superilpower… e di nuovo soldi per le Soluzioni Ideali… a forza di soluzioni e soluzioni… si sta sciogliendo anche la chiesa… e deve essere chiaro che è colpa di noi lavativi, incapaci di eseguire un Comando Intenzionale…

    Allora siamo fottuti?…No, se sappiamo prendere il diavolo per le corna o per la coda. Primo, resistere alle sue lusinghe… se non esiste il paradiso, non esiste neppure l’inferno Quello che per noi è certo è che esiste la Vita e che noi siamo indiscutibilmente parte della Vita… dunque cerchiamo di capire la vita nei suoi diversi e mutevoli aspetti e rendiamoci conto che possiamo capire noi stessi solo relazionandoci con il vivere ed i viventi… Tutti i preti ci fanno sperare di abbandonare questo posto in questa vita e non conviene escludere a priori una possibilità di “libertà totale”… ma onestamente io mi acconterei di andarmene da qui con la certezza di essere diventato, a mio insindacabile giudizio, migliore… e che qualcun altro ne abbia beneficiato… Se volerò, ve lo farò sapere.

    Spero che i bambini non si siano svegliati… beata innocenza…

  5. Diogene permalink
    31 marzo 2011 2:15 AM

    Ho appena postato in ROMA CAPUT MUNDI un commento riferito ai controlli di sicurezza che potrebbe adattarsi bene anche qui…

    Controllate, se volete…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...