Skip to content

COSA E’ VERAMENTE UNA “SETTA”

27 ottobre 2010

C’è solo un problema con
le religioni che hanno tutte le risposte
Non ti concedono di fare delle domande.

Una delle definizioni in inglese di “CULT”, tradotto in italiano “Setta”, che è estremamente appropriata alla attuale situazione della Chiesa di Scientology è la seguente:

“Coloro che seguono una religione falsa, o non ortodossa, o estremista od una setta e che spesso vivono al di fuori della società convenzionale sotto la direzione di un leader carismatico.”

da Wikipedia dalla definizione di Setta:

In tempi più recenti setta indica più frequentemente gruppi anche non religiosi sorti attorno a personalità carismatiche.

“Nonostante il passare del tempo e un clima più orientato al dialogo e al rispetto delle diversità, il termine setta viene ancora utilizzato in senso dispregiativo per indicare gruppi che hanno credenze, miti e ritualità differenti rispetto a quelli della religione o della mentalità dominante. Alcuni sociologidellareligione, per ovviare a questo problema, preferiscono utilizzare il termine “culto”, ritenuto più neutrale. Questo termine però è frequentemente utilizzato in USA come sinonimo di setta, soprattutto per indicare gruppi borderline (definiti “cult-like”).

Da Wikipedia inglese:

Oppositori laici dei culti, tipo quelli che militano in movimenti anti-culto, tendono a definire un “culto” come un gruppo che ha la tendenza a manipolare, sfruttare, e controllare i suoi membri. Fattori specifici nel comportamento di un culto includono la manipolazione ed il controllo mentale autoritario dei membri, una organizzazione totalitaria e comunitaria, una ricerca aggressiva dei proseliti, programmi sistematici di indottrinazione, e la loro penetrazione nelle comunità della classe media.

Anche se riconosce il fatto che la parola abbia definizioni molteplici, Michael Langone dice che: “I Culti sono dei gruppi che spesso sfruttano i loro membri sia finanziariamente che psicologicamente, la cosa tipica è quella di fare in modo che loro eseguano ed aderiscano alle richieste del loro leader utilizzando alcuni tipi di manipolazioni psicologiche, che vengono comunemente chiamate Controllo Mentale, ed attraverso l’inculcamento di una dipendenza ansiosa e profonda al gruppo ed ai suoi leader.

Una definizione simile viene data da Louis Jolyon West:

“Un culto è un gruppo od un movimento che mostra una enorme ed eccessiva devozione o dedizione ad una qualche persona, idea o cosa e che utilizza delle tecniche immorali di manipolazione, persuasione e controllo ( ad esempio: l’isolamento da amici o parenti, la debilitazione, l’uso di metodologie specifiche per aumentare la suggestionabilità e la sottomissione, potenti pressioni di gruppo, il controllo dell’informazione, la sospensione del giudizio critico individuale, e la promozione di una totale dipendenza da quel gruppo con paura delle conseguenze che deriverebbero dall’andarsene, etc.) progettate per portare avanti gli scopi dei leader del gruppo a svantaggio sia reale che possibile, dei suoi membri, delle loro famiglie, o della comunità”

Ho voluto scrivere queste definizioni e descrizioni perchè durante le mie prime ricerche sul WEB ero incappato sul sito http://www.scientology-cult.com di Steve Hall, e l’unione tra la parole Scientology e Culto mi aveva disturbato e tendevo a rifiutare l’associazione – Penso che sia stata una reazione abbastanza comune visto che Steve ha creato un sito uguale chiamandolo “Riscoprire Scientology“, dove senz’altro l’impatto del nome era inferiore.

Dopo essere passato attraverso il Rundown della Verità ed a tutte le testimonianze di coloro che hanno avuto il coraggio di esporre i crimini pepetrati da DM & CO.  il fatto che la Chiesa di Miscavology fosse una setta mi era palesemente chiaro. Ed era una delle cose che più mi amareggiava visto che Scientology, quella vera, e non DATA AL CONTRARIO era tutto tranne che un CULTO – Certo è cosa naturale ammirare il proprio leader, ma un vero leader non cerca ammirazione per sè ma vuole solamente fungere da guida per il raggiungimento degli scopi comuni a lui ed al suo gruppo. LRH ci ha sempre spronato ad osservare ed a valutare per noi stessi dati e situazioni, il Ponte serve a togliere le bugie che si sono accumulate nel caso e quindi aumentare le nostre percezioni e le nostre abilità.

Scientology data al contrario così come applicata nella Chiesa di Miscavology è una torta avvelenata, dolce all’inizio ma letale dopo poco. Ed è quel dolce che si assapora all’inizio che ci fà pensare che la bontà sia la sua essenza, ma la bontà è l’essenza di Scientology ed è proprio quello che Miscavige usa e che trasforma poi in una trappola letale per un suo ritorno personale, o per DRAMMATIZZARE IL CONTENUTO DEL SUO CASO sulle altre persone. E’ l’essenza degli implant che non avrebbero alcun effetto se non ci fosse una lunghezza d’onda estetica che viene attaccata all’implant per fare in modo che l’essere ne rimanga intrappolato. O come dice Jason Beghe “Non c’è trappola per topi senza il formaggio”

Il risultato è l’ABBERRAZIONE non la libertà. Se analizziamo le definizioni e le caratteristiche di una setta vediamo rispecchiate le qualità intrinseche a Miscavolgy. E’ certo che quanto più vicini si è al “fuoco” più il fuoco bruci, e mano mano che ci si allontana il “calore” diminuisce – Quindi ai livelli più alti (INT) il CULTO si manifesta in tutte le sue espressioni:

1. l’isolamento da amici o parenti

2. la debilitazione

3. l’uso di metodologie specifiche per aumentare la suggestionabilità e la sottomissione

4. potenti pressioni di gruppo

5. il controllo dell’informazione

6. la sospensione del giudizio critico individuale

7. la promozione di una totale dipendenza da quel gruppo con paura delle conseguenze che deriverebbero dall’andarsene

E poi a scendere FSSO, FSO, CC INT, AOSHes etc. e così a scendere.

E poi quella CULTura pervade il resto del gruppo e si manifesta tra gli staff, tra i Scientologists, tra i parenti dei Scientologists etc. etc.

In un suo post recente Jeff Hawkins parla di un discorso fatto da Steve Hassan di recente alla New York Ethical Culture Society. Un discorso di una 40ina di minuti, molto interessante e se conoscete l’inglese vi invito ad ascoltarlo qui. Steve è un esperto del “exit counseling” :

“Exit counseling, è un intervento finalizzato a persuadere un individuo ad abbandonare un gruppo percepito come un culto. L’Exit Counselling si distingue dalla Deprogrammazione per il fatto che è una procedura VOLONTARIA e che chi segue quel counselling viene trattato con rispetto, se ne può andare quando vuole, e che la decisione di stare od abbandonare quel gruppo è completo arbitrio di chi lo sta seguendo e che quella decisione verrà accettata dal consulente per l’exit.”

Faceva parte della Unification Church fondata dal Rev. Sun Myung Moon e ne è uscito e poi si è dedicato all’exit counseling .

Dice Jeff Hawkins:

“In quell’intervento Steve Hassan menziona Scientology alcune volte. E’ interessante per noi il suo consiglio su come parlare a qualcuno che è nella situazione di essere all’interno di un culto. Lui consiglia di non attaccarli direttamente o di metterli nel torto per quello che stanno facendo, ma al contrario offrire loro affetto, amicizia e comprensione, stare ad ascoltarli, e porre loro delle domande.”

Steve nel suo discorso si riferisce spesso al modello BITE (vedi seguito) che descrive nel secondo capitolo del suo libro Releasing the Bonds: Empowering People to Think for Themselves (Liberarsi dalle Catene: Dare alle Persone il Potere di Pensare Per Loro Stessi).

Controllo Mentale – Il Modello BITE

© 2000 by Steven Hassan; pubblicato da Freedom of Mind Press, Somerville MA

Il controllo mentale distruttivo può essere compreso analizzando quattro componenti di base, che formano l’acronimo BITE:

I. Behavior Control – Controllo del Comportamento
II. Information Control – Controllo della Informazione
III. Thought Control – Controllo del Pensiero
IV. Emotional Control – Controllo dell’Emozione

E’ importante comprendere che il controllo distruttivo della mente può essere determinato quando l’effetto globale di questi quattro componenti promuovono la dipendenza e l’obbedienza ad un qualche leader o ad una causa. Non è necessario che ogni singolo soggetto della lista sia presente. Membri appartenenti ad un culto soggetti ad un controllo mentale possono vivere in un loro appartamento, avere un classico impiego dalle 9 alle 5, essere sposati ed avere bambini, ma non di meno essere incapaci di pensare per loro stessi ed agire in maniera indipendente.

I. Controllo del Comportamento (Behavior Control – sigla B)

1. Regolamentare la realtà fisica della persona.

a. Dove, come e con chi il membro possa vivere od associarsi.
b. Quali vestiti, colori, stile di pettinatura la persona debba indossare.
c. Che cibo la persona possa magiare, bere, adottare o rifiutare.
d. Quante ore di sonno è in grado di avere la persona.
e. Dipendenza Finanziaria.
f.  Pochissimo o nessun tempo libero a disposizione per l’intrattenimento, o le vacanze.

2. Un grande periodo di tempo richiesto per l’indottrinamento ed i rituali di gruppo

3.  Necessità di chiedere il permesso per decisioni importanti.

4. Necessità di fare rapporto sui pensieri, i sentimenti e le attività svolte ai propri superiori.

5. Premi e punizioni (tecniche per la modifica del comportamento – positivo e negativo)

6. L’individualismo vien scoraggiato; prevale il pensiero di gruppo.

7. Regole e regolamenti rigidi

8. Necessità ad obbedire e ad essere dipendenti.

II. Controllo dell’Informazione (Information Control – sigla I)

1. Uso dell’inganno

a. Deliberatamente non dare informazioni
b. Distorcere le informazioni in modo da renderle accettabili
c. Mentire spudoratamente

2. Mantenere al minimo e scoraggiare l’accesso a sorgenti di informazione che non siano del culto tipo:

a. Libri, articoli, giornali, riviste, TV, radio
b. Informazioni critiche
c. Ex membri
d. Fare in modo che i membri siano così indaffarati da non aver nemmeno il tempo di pensare.

3. Compartimentazione dell’Informazione; Quella Esterna vs. Le Dottrine Interne

a. L’informazione non è facilmente accessibile
b. L’informazione varia a seconda dei diversi livelli e missioni all’interno della piramide gerarchica
c. La Leadership decide  chi “ha bisogno di sapere” cosa

4. Viene incoraggiato lo spiare gli altri membri

a. Sistema di accoppiare con dei “compari”al fine di  monitorare e controllare
b. Fare rapporto in relazione a pensieri devianti, sentimenti, ed azioni alla leadership.

5. Uso esteso di informazioni e propaganda generati all’interno del culto

a. Lettere Informative, riviste, Giornali, nastri audio, video cassette, etc.
b. Affermazioni errate, affermazioni che vengono prese fuori dal contesto da sorgenti che non appartengono al culto.

6. Uso non etico della confessione

a. Le informazioni che riguardano i “peccati” vengono usate per abolire i confini delle identità personali.u
b. I “peccati” del passato vengono usati per manipolare e controllare; non esiste il perdono o l’assoluzione

III. Controllo del Pensiero (Thought Control – sigla T)

1. Necessità di far proprie le dottrine del gruppo come “Verità”

a. Quanto è affermato = Realtà
c. Buono contro  cattivo
d. Noi contro Loro (l’interno contro l’esterno)

2. Adottare un linguaggio “caricato”  (n.d.t. caricato come “loaded” significa caricare un programma al computer) (caratterizzato da clichès che “fermano la capacità di pensiero”). Le parole sono degli strumenti che noi usiamo per pensare. Queste parole “speciali” che vengono usate restringono la comprensione al posto di espanderla. Queste funzionano riducendo la complessità di sperimentare di persona una determinata cosa sostituendola con “parole” trite e  banali .

3. Solo pensieri “positivi” od “appropriati” vengono incoraggiati.

4. Le tecniche per Fermare-la-Capacità-di-Pensiero (spegnendo “la verifica con la realtà”  attraverso il fermare i pensieri “negativi” e concedendo solamente i pensieri “positivi”);rifiuto dell’analisi razionale, del pensiero critico, del critica costruttiva.

a. Negazione, Razionalizzazione, Giustificazione, Utopie
b. Cantilene
c. Meditazioni
d. Pregare
e. Parlare “meccanicamente”
f. Canticchiare or ruminare

5. Nessuna domanda critica riguardante il leader, la sua dottrina, o la policy è legittimata.

6. Nessun credo alternativo è visto come legittimo, buono, od utile

IV. Controllo Emozionale (Emotional Control – sigla E)

1. Manipolare e restringere la sfera personale dei sentimenti.

2. Far sentire alla persona che se mai ci fossero dei problemi è sempre e comunque per colpa loro, mai del leader o del gruppo.

3. Uso eccessivo della colpa

a. Senso di colpa relativo all’identità di:

1. Chi Tu sei(non stai vivendo per quello che sono i tuoi veri potenziali)
2. Della tua Famiglia
3. Del tuo Passato
4. Delle tue Amicizie
5. Dei tuoi Pensieri, sentimenti ed Azioni

b. Senso di colpa sociale
c. Senso di colpa storico

4. Uso eccessivo della Paura

a. Paura di pensare in maniera indipendente
b. Paura del modo esterno
c. Paura dei nemici
d. Paura di perdere la propria salvezza
e. Paura di lasciare il gruppo o di essere allontanato dal gruppoF
f. Paura di essere disapprovati

5. Estremi emozionali fatti di alti e di bassi

6. Rituali e spesso confessioni pubbliche dei propri peccati.

7. Fobie che vengono indottrinate: programmare delle paure irrazionali relative all’abbandonare il gruppo o persino a mettere in discussione l’autorità del leader. La persona sottoposta al controllo mentale non riesce a visualizzare un futuro positivo ed appagante che non sia all’interno del gruppo.

a. Nessuna felicità o appagamento a”al di fuori” del gruppo
b. Vi saranno delle terribili conseguenze se lascierai il gruppo:”inferno”; “possessioni demoniache”; “mali incurabili”;”incidenti”; “suicidi”;”pazzia”; “ti reincarnerai per 10.000 volte”; etc.

c. Evitato perchè te ne sei andato. Paura di essere rifiutato dagli amici, i tuoi pari e la famiglia.

d. Non esiste mai una ragione legittima per andarsene. Dal punto di vista del gruppo, le persone che se ne vanno sono:”deboli”; “indisciplinate”; “non sono spirituali”; “pensano ai beni materiali”; “i consulenti della la tua famiglia ti farà il lavaggio del cervello”; verrai sedotto dai soldi dal sesso e dal rock & roll

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

La cosa incredibile nel leggere quanto sopra è che Steve non lo ha scritto avendo in mente Scientology, ma dopo aver fatto uno studio sulle tecncihe utilizzate per il controllo mentale da sette quali i Mooney, o da governi come la Cina Comunista od il Nord Corea etc. – Ma i paralleli con quanto sta succedendo ora in Miscavology sono impressionanti. Certo sembra una cosa assurda per noi Scientologist  ritrovarci qui a parlare di controllo mentale di exit counselling, di culto etc. ma purtroppo questa è una situazione che dobbiamo CONFRONTARE perchè la maggior parte dei nostri AMICI, dei nostri PARENTI, sono ancora all’interno di Miscavology e se avete avuto l’opportunità di parlare con loro avrete osservato che non è sempre facile portarli a capire la situazione reale in cui si trovano, anche perchè LORO SONO IN BUONA FEDE!

Quindi penso che il suggerimento di Steve Hassan sia corretto, non assaliamoli ma offriamo loro affetto, amicizia e comprensione – ascoltiamo quello che hanno da dire e cerchiamo attraverso delle nostre domande di far mettere loro l’attenzione su cose che a LORO possano essere reali ed utilizzando un gradiente corretto  portiamoli alla COMPRENSIONE –

La forza servirà a poco – l’ARC può abbattere qualsiasi barriera.

GARY BALDI

11 commenti leave one →
  1. Jenkins permalink
    27 ottobre 2010 9:53 PM

    Grande Gary Baldi, tutta la mia ammirazione.

    Grazie per aver postato questo articolo perché, insieme all’altro ‘Perché alcune persone non vedono la soppressione…’ è davvero profondo e centra pienamente la questione di come fare per far riacquistare ai nostri amici la propria capacità di vedere la verità.

    Questo Steven Hassan sembra abbia fatto davvero un lungo periodo a stretto contatto con Miscavology e che ne abbia seguito rituali e stili di vita con piena convinzione, perché è impressionante davvero come dici tu, quanto è calzante tutto ciò che racconta rispetto alla mia esperienza (e credo a quella di noi tutti, specialmente chi è stato staff o SO member)

    Forse vi annoierà… ma voglio condividere questa cosa: stanotte ho fatto un sogno strano e molto realistico (raramente me ne capitano di questo genere… forse dovevo prendere un po’ di vitamina B1).

    Ero ‘dentro’ Miscavology, non sto scherzando, e seguivo tranquillamente i corsi e le solite attività di una persona comunemente ‘attiva’, in un Org che appariva ‘su di tono’ e produttiva, piena di amici e staff. L’unica considerazione era che qualche anno prima le cose andavano meglio, e c’erano pochi studenti e PC. Un certo movimento di ‘Scientologist indipendenti’ che avevano aperto un blog di successo su Internet aveva attirato l’attenzione di alcuni staff tecnici che si preoccupavano di quanto stava accadendo, e durante una pausa sentivo un discorso a riguardo. Informandomi da loro, che non sapevano comunque più di tanto perché a parte le classiche ‘voci di corridoio’ naturalmente non si poteva andare in Internet a vedere che succedeva, venivo a sapere che parecchi fuoriusciti ed ex staff si lamentavano’ di ingiustizie subite a vario livello, e che Miscavige era stato “assurdamente” accusato di picchiare i suoi staff più vicini…

    Come ho reagito? All’inizio non ci ho creduto e mi sono accodato agli staff ‘dispiaciuti e increduli’, usando la solita frase ad effetto ‘questi sono segni di espansione’ (a proposito di cliché che impediscono il libero pensiero…). Poche ore dopo ci avevo ripensato, mi sentivo turbato, poi confrontai le varie “dicerie” sentite (seppure rese generiche ed esposte in modo da sembrare ‘ridicole’ da quegli staff members) con diverse cose che mi erano realmente accadute, e che erano simili. Ho pensato che, anche se ora per me le acque si erano calmate, in effetti avevo notato altre ingiustizie e contraddizioni su altri, e tanti esempi mi sono venuti in mente di cose che andavano ormai sistemate in Scientology. Tanti ‘rospi e rospetti’, per renderla semplice, che avevo ingoiato ma che, visto le mie vittorie in Scientology, avevano perso di importanza: natter su persone che non si erano ‘adeguate alla strategia’, tirar fuori problemi di caso di public e staff in modo da farli apparire sbagliati, stat pushate, scorrettezze di OSA, persone sfruttate e trattate male, attenzione sui soldi, regging soppressivo, persone che avevano bisogno di aiuto ignorate perché non potevano pagare, ‘condono’ di scorrettezze ed out-ethics solo perché la persona era considerata ‘upstat’ per una donazione ma magari aveva rovinato la vita o gli affari di qualcun altro.

    Perché la ‘strada della Verità’ che era Scientology non veniva usata per capire a fondo le questioni? Perché per ‘salvare la Chiesa’ gli abusi e le ingiustizie venivano nascosti? Perché dovevamo continuare ad adorare quel mondo? e così via… Poi mi sono svegliato. Ero così colpito dall’aver sperimentato nuovamente quel punto di vista, quel ‘sentirmi parte’ della Chiesa ma sapere che qualcosa andava risolto. Mi sono reso conto che è POSSIBILE far arrivare la verità a destinazione, ma dobbiamo tener conto con cosa abbiamo a che fare.

    E questo post lo spiega in modo magistrale… grazie ancora e scusate se mi sono dilungato, ma quel che hai scritto ha toccato molte corde per me.

    ciao Jenkins

  2. La Cena delle Beffe permalink
    27 ottobre 2010 11:16 PM

    Finalmente tutti noi l’abbiamo capito: ” L’ABBIAMO PRESO TUTTI NEL CULT ! ”
    Tutti insieme a questa cena delle beffe abbiamo brindato dopo esserci liberati dalle catene del CULT guidati ed illuminati dal Magistrale Post di Gary Baldi.

    Biancaneve
    Lady Oscar
    Tiger Man
    Andy de La Couture
    Gig Robot d’acciaio
    Arsenio Lupin
    Heidi
    Barbapapà
    Mila&Sciro

    n.b. Presto saremo ancora di più a brindare per le vittorie del Pensiero Indipendente

  3. frank wool permalink
    28 ottobre 2010 10:07 AM

    Ciao Gary
    questo studio è estremamente razionale e lucido e sembra calzare a pennello alla dittatura di DM.
    Sono completamente d’accordo con te: la maggior parte dei nostri amici sono in buona fede ed hanno bisogno della nostra ARC e non di una “spinta pesante” che sarebbe controproducente.
    Oltre a questo però non dobbiamo dimenticare che ci sono invece alcuni che prosperano in questa situazione (ha fatto qualche buon esempio Jenkins) e ci sguazzano.
    Per questi mi auguro che arrivi la scure della giustizia wog e che sia pesante.
    Perdonami l’incazzatura ma quando ce vo’….ce vo’!
    Grazie ancora per il lavoro tuo e di tutto il gruppo indi.
    Frank Wool

  4. AlessandroMagno permalink
    28 ottobre 2010 7:35 PM

    Storie così ce ne sono tante,ma la sopressione si vede pure in un’org di classe IV,staff portati allo stress e a fare overt per una statistica che è pure essa stessa un overt,ho visto famiglie distrutte da terze parti e da azioni consapevoli,tutto per il “maggior bene”,bè ragazzi,anche una persona idiota osservando l’ovvio capiva che non era il maggior bene,erano anni ormai che vedevo qualcosa che non andava…famiglie distrutte,guai,incidenti derivano da una condizione pts,ed ecco adesso spuntare l’sp che colpiva dall’alto fin dentro la vita dell’ultimo arrivato che faceva un corso in div6…tutti pts,e mi dispiace per chi staff lo è stato e ha accumulato senza saperlo entheta a dismisura dentro il suo universo..l’essere fondamentalmente è buono,ma ad essere pts si drammatizzano valenze sp,e la cosa peggiore è vedere un’essere etico con gli occhi splendenti ridotto ad una sagoma grigia…spero che possano vedere di nuovo il mattino pieno di colori e di vita.
    ARC

  5. Valerio permalink
    28 ottobre 2010 10:20 PM

    Le storie che abbiamo letto in questi mesi qui sull’Indipendologo sono sicuramente allucinanti, qualcuno di noi si è svegliato qualcun’altro è rimasto confuso e non gli è reale ancora. Ma personalmente cerco di basarmi sempre sulla propria osservazione.
    La madre dell’obnosi é LA MANCATA ESPANSIONE DI SCIENTOLOGY, questo lo possono osservare tutti, è visibile in quantità di numero di persone all’interno delle Org o di studenti nelle Accademie sui corsi maggiori ” quelli veri” .
    Alla domanda; come mai ci sono pochi Public in Org? la solita risposta sarà: qualè la tua responsabilità? perchè non entri anche tu?
    Quindi deduco in base a queste risposte che la colpa della mancara espansione è mia e non di chi sta sopra……….poverini loro si fanno il culo dalla mattina alla notte.
    Io non ho mai creduto a queste cazzate, conosco esattamente cosè la responsabilità e quando una mia stat è bassa non do la colpa al mio gatto.

  6. Ely permalink
    29 ottobre 2010 12:43 PM

    Posso fare una domanda?

    Come mai non usate i vostri veri nomi ma degli pseudonimi?

    Ely

    • Ksw1 permalink
      29 ottobre 2010 1:50 PM

      Ciao ely, prova ad andare dal dsa a chiedergli che fine ha fatto il tipo ( PaT broker ) che ha annunciato la morte di lrh ….. Poi capirai come mai ….. Un besos !

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...