Skip to content

DAN KOON VIDEO n°2 di 2

25 agosto 2010

I quattro pannelli possono essere riarrangiati in 17.000 combinazioni differenti

e per finire ecco il dipinto di Dan

“Anima del Mare”

Quindi come dice nel video che avete appena visto, se avete qualche domande sui soggetti che ha indicato non esitate a contattare Dan usando il suo indirizzo mail:

dankoon1@sbcglobal.net

Oppure potete commentare sul Blog e faremo in modo di far avere le vostre domande a Dan –

Se volete immergervi in altri suoi dipinti eccovi gli indirizzi web

www.fineartamerica.com/profiles/dan-koon.html


Spero che questi video vi siano stati utili.

Max Zini

Advertisements
6 commenti leave one →
  1. MIRKO permalink
    26 agosto 2010 4:04 PM

    Dan Koon mi è piaciuto, il primo SOM indipendente di spessore che non è stato molestato: o lui è molto abile, o pensavano fosse innocuo… io propendo per la prima ipotesi.

    L’ho visto e sentito sereno e deciso, come sapesse dove si andrà a parare con Scentology…
    Ma credo che invece sia anche solo possibile che lui applichi un po’ di star di fronte, riguardo la grave situazione : “beh, le cose stanno così! Va bene!
    Qualcosa succederà”. Forse lui pensa questo.

    Vorrei fargli una domanda: chiedergli se, secondo lui (cosa pensa al riguardo), ce la faremo su questo pianeta, prima che perdiamo l’occasione di cui parlava LRH (“ti consiglio di non sprecare questo respiro dell’eternità”).

    Ho senz’altro anche molte altre domande tecniche da fare, e senz’altro alcune altre gliene farò, ma questa è la prima che mi è venuta in mente.

    Sembra una domanda scontata, una classica domanda alla Scientologhese di vecchio stampo, ma in realtà non è così semplice o banale, o retorica, o da esaltazione (“maneggiare più di quel che i mezzi permettono di fare”, con tutta l’esaltazione creata dalla chiesa al riguardo. Molta.).

    Prima di altro chiedo questa cosa perché LRH parlava spesso di questa urgenza, cercare di fare in fretta, per la presunta mancanza di tempo causata dall’aberrazione planetaria galoppante.
    Poi invece in Scn si è sprecato almeno 30 anni, con molti altri anni necessari a ristabilire la correttezza della tech.

    Negli ultimi 3-4 anni, sulla base di queste indicazioni di LRH d’urgenza, mi sono studiato (letteralmente) e letto molti altri autori che parlano della prevaricazione dell’uomo sull’uomo, ad opera di alcuni “pesanti personaggi planetari” e dei loro progetti e metodi per ottenere sempre più schiavitù
    (Ho letto anche David Icke, di cui parlava qualche giorno fa Giovanni Bonzani, ma su cui nutro molti dubbi. Tutti gli autori vanno letti con la conoscenza di Scn bene in mente, e naturalmente vanno valutati, cosa che ho fatto).
    E quello che ho visto e capito mi ha lasciato esterrefatto: LRH non aveva torto sulla schiavizzazione in atto del pianeta..

    L’aberrazione a cui può arrivare un individuo intrappolato nelle/dalle sue registrazioni mentali, dei traumi accadutogli, e di cui non è consapevole, è veramente non immaginabile (e alle volte non confrontabili, se trovi il coraggio di guardare).

    Io non mi vergogno a dire che spesso leggendo e vedendo documentari (alternativi) informativi sulle trame, progetti cospirativi, azioni criminali compiute (per esempio le guerre, tutte causate e cercate intenzionalmente, ma rimaste al buio, dalla cospirazione nascosta), truffe internazionali, imposizioni di ismi, di dati falsi, di inculcamenti vari, e chi più ne ha più ne metta…: ho pianto.

    Ho realizzato che così come è “organizzata” la civiltà (con tutte queste regole e leggi create dai potenti criminali nell’ombra), il principio di “fiorire e prosperare” non è possibile, se non per pochi ed a scapito dei molti (l’1% della popolazione mondiale, e sono coloro i quali si fanno le leggi economiche, possiede il 50% dei beni mondiali; un altro 10% della popolazione possiede un 30% dei beni mondiali: al restante 89% della popolazione mondiale resta una fettina di torta del 20% , su cui accapigliarsi gli uni contro gli altri. Come si può facilmente capire il “fiorire e prosperare” non è possibile per tutti, e le guerre che avvengono tra paesi poveri sono causate anche da queste sproporzioni %uali.)

    Con questa organizzazione sociale, con queste leggi e regole economiche (corrotte e pervertite all’inverosimile), con questa perversione dell’origine della vita (“tutto è carne e cervello”, che serve a giustificare gli enormi crimini contro l’umanità che vengono commessi giornalmente), vige la legge ormai impostata matematicamente del: “Mors tua vita mea” (Wikipedia: la locuzione latina Mors tua vita mea, tradotta letteralmente, significa “la tua morte è la mia vita”. Questa locuzione si usa quando in una competizione o nel tentativo di raggiungere un traguardo ci sarà un solo vincitore. “Mors tua vita mea” significa in sostanza che: “la tua sconfitta equivale alla mia vittoria, quindi te la auguro senza rimorsi”).

    Ho capito, dopo lo studio di questi libri (tecnici, per capire “i trucchi usati”, e di descrizione dei crimini, per capire la portata della cattiveria perpetrata), che nella 3° e 4° Din. non c’è consapevolezza e capacità di confronto, del livello di operosità ed impegno che mettono i “padroni del pianeta” nel “fregare” tutti quanti (anche se oggi è facile scovare e capire le loro azioni criminali).
    Sono questi pochi individui (2,5% forse?), che si fanno le leggi “ad personam” per “governare” tutto il resto del branco planetario di pecoroni da schiavizzare.

    La verità pura e semplice è che questi “personaggi” sono occupati giorno e notte nel tramare per l’assoggettamento del genere umano.
    Lo dice LRH ed è vero, questi individui sono impegnati 24 ore al giorno per realizzare “la loro spinta a uccidere tutti quanti”…
    Il loro pensiero aberrato giustificativo è potente: “il genere umano è criminale. Il crimine è: essere li e comunicare!”

    Ecco io dopo qualche anno come Scntologo impegnato a conoscere e capire, ho visto bene che: la tech serve a liberare un individuo, ma una volta libero l’individuo ha dei responsabilità… quanto meno di denunciare i crimini e le gravi malefatte (contrarie alla vita) che stanno succedendo in questo piccolo pianeta.

    Lo dice bene LRH nel descrivere la scoperta del triangolo superiore di KRC: Conoscenza-Responsabilità-Controllo, il cui corollario è: se non applichi R responsabilità, e C controllo (cioè, diamoci da fare nell’essere responsabili ed efficienti), perdiamo la Conoscenza…
    Non un cosa simpatica, vero?

    Fatto questo excursus (l’argomento a cui sono più interessato) mi piacerebbe anche sapere da Dan Koon: se esiste un Ponte valido e percorribile ben definito e certo, fino su in cima (e dov’è possibile realizzarlo)…

    Credo per certo che il recupero della consapevolezza ed abilità di sé sia la soluzione vincente contro i crimini planetari gravi di cui sopra.

    Salutoni
    Mirko

    P.S. per sig.ra Martini (e anche per Salvatore): scusi se non ho risposto alla sua lunga lettera di 8/10 gg. fa, ero partito per 8 giorni di ferie.

    • Jenkins permalink
      26 agosto 2010 10:39 PM

      Dimenticavo Mirko. E’ tragicamente e spietatamente vera la tua analisi sulle condizioni del nostro pianeta e la tua chiave di lettura rende davvero l’idea su quanto la tecnologia di LRH potrebbe essere decisiva, se le cose fossero amministrate in maniera diversa (e mi auguro anche io che, dopo 30 anni buttati al cesso, qualcosa di decisivo venga fatto in tempi stretti).

      E’ un mondo, quello occidentale, che ci ha abituato a un modo di vivere cieco e disinteressato alla maggior parte delle cose che ci accadono intorno. Per la maggior parte delle persone, è sopraffacente vedere quanto male e quanta ingiustizia e dolore esiste oggi nel mondo, persino più che in passato (nonostante tante di queste atrocità non le sentiremo dai mass media; penso, ad esempio, al genocidio del Rwanda di pochi anni fa). Quindi è più semplice fare ‘not-is’ e pensare al proprio orticello.

      In base alla mia esperienza personale, questo modo di pensare è talmente radicato (persino in molti scientologist) che questa pigrizia, questo non osservare, questo pensare che l’unica cosa importante sia la realizzazione del proprio benessere personale, sono caratteristiche fin troppo comuni.

      Non dico che l’ambiente sia pericoloso o debba essere dipinto come tale, non è di nessuna utilità questo – ma il nostro confronto del male, come uomini, e la nostra coscienza sociale, dovrebbero innalzarsi così da permetterci di guardare il mondo da un’altra prospettiva, e capire quanto è urgente fare qualcosa di veramente incisivo. Non si può sempre pensare alle sciagure, ma dovremmo ‘essere’ maggiormente la nostra quarta dinamica. Credo che Ron ce l’abbia voluto dire in molti modi. Naturalmente, parlo in primo luogo per me. Grazie per il tuo intervento che mi ha fatto ‘ricordare’ una volta di più che faccio parte di questa quarta dinamica.

      • MIRKO permalink
        27 agosto 2010 1:16 AM

        Ciao Jenkins,
        grazie del tuo apprezzamento, dell’argomento da me introdotto.
        Vedo che anche tu comprendi alcune priorità.

        Volevo dire qualcosa al riguardo del dubbio del “dipingere l’ambiente pericoloso”: secondo me non si tratta di questo, ma della capacità di guardare e vedere che le regole sociali (la socialità), le leggi, l’economia, l’etica, ecc. ecc. stanno prendendo una china drammatica, se non interveniamo.
        Ma io credo anche che è possibile fare qualcosa al riguardo.

        Un assioma che mi piace molto dice: “la mente pone e risolve problemi”. Se mai ti poni il problema, mai lo risolvi.

        “L’ambiente pericoloso” , a cui si riferisce spesso LRH, è creato dai media che ogni giorno ti fanno entrare in casa: stupri, incidenti, omicidi, morti bianche, incidenti stradali, ferroviari, aerei, navali…. Il falso terrorismo, le false guerre (o meglio le guerre create a Doc), la paura della diversa religione, del diverso colore della pelle, della diversa cultura, ecc. ecc. .

        Questi sono i mercanti della paura e del caos e i creatori dell’ambiente pericoloso: sono loro… , coloro a cui mi riferivo.

        Avere invece il coraggio di osservare chi crea questo marasma, in quale modo, con quali mezzi, con quale leggi, il perché ed il percome, ecc. ecc. è un’azione di deptssing: è trovare il vero CHI.

        Dopo di che prendersi responsabilità al riguardo viene di conseguenza (quando hai trovato il CHI, in qualche modo devi affrontarlo).
        E non per forza andando giù di tono o essendo “preoccupati” (occupati prima) al riguardo.

        Anzi quello che è successo a me dopo 2 anni di studio delle leggi, delle truffe e delle “furbizie” con cui fregano il loro prossimo (crimini orrendi) è stato, nonostante i primi momenti di pianto e sgomento (ma non devi passareci attraverso?), un innalzamento di tono: perché adesso so chi, come, quando, perché…

        Ricordi che l’inizio di un maneggiamento PTS è il prendere coscienza della tech PTS? Studiare i meccanismi e gli effetti delle azioni SP?
        Questo uno scientologo lo ha fatto già da un po’.

        Poi si comincia a scoprire il CHI.
        Poi, dopo aver scoperto il CHI, resta solo il fare qualcosa la riguardo. E per il CHI planetario ti assicuro che bisogna organizzarsi per bene se vuoi fare qualcosa al riguardo, ed è questa una delle cose a cui tenevo particolarmente, per quanto riguarda l’organizzazione di Scn.

        Ritenevo Scn una soluzione, la soluzione, e per tanti anni ci ho creduto veramente (chi poteva affrontare la soppressione planetaria, quella vera, se non la conoscenza e la tech di Scn?).

        Mi riferisco anche alle varie strategie “del management” che poi si sono rivelate delle bufale: 10.00 OT7; il Super Power; le Org Ideali; i libri sulle biblioteche di tutto il mondo; le donazioni alla Ias, e cos’altro?
        Quanto tempo sprecato e quante “soluzioni fregnaccie”.

        Ricordo che c’era un modo, un dato che i reg speso tiravano fuori per farti pagare la donazione per la Ias o l’org ideale, una delle definizione di LRH di etica: “è fuori etica un progetto od un programma, azione, sforzo ecc. che non sia proporzionale al livello di necessità esistente” (o una cosa del genere).
        Un dato che è vero e che ha un senso, un dato che spesso faceva pagare la donazione.
        Ma se questo dato è vero, come in effetti è vero, allora il management è estremamente fuori etica (criminale persino, come ben sappiamo), perchè i loro cosi detti “progetti” per la salvezza planetaria sono assolutamente inadeguati. Anzi, sono “progetti” che hanno fatto perdere la bellezza di almeno 30 anni. E forse tutto in modo intenzionale.

        Ma credimi, sapere come stanno le cose veramente (chi, perché, quando, come…) aiuta e depitiessa moltissimo: e il tono, nonostante tutto, cresce.

        Ciao
        Mirko

  2. soltan permalink
    26 agosto 2010 8:28 PM

    Ciao Max Zini,

    approfitto della vostra padronanza con la lingua inglese per tradurre e trasmettere alcune domande a Dan Koon.

    – Quali ordini LRH aveva lasciato su faccende tecniche?
    Quali furono eseguiti?
    Quali non furono eseguiti?

    – Cosa pensi riguardo ai gradi dati a Flag in tempi ridottissimi?

    – Sei a conoscenza se esistono i materiali di OT IX ed OT X ?

    – Sei a conoscenza di qualche direttiva di LRH riguardo al passaggio di consegne a DM ?

    Grazie

    Soltan

  3. Jenkins permalink
    26 agosto 2010 8:39 PM

    Ciao Mirko, la tua domanda secondo il mio modesto parere non è per nulla banale o retorica, semmai un po’ ‘mistica’, ma è davvero interessante sapere cosa ne pensa Dan Koon riguardo il Clearing effettivo di questo pianeta.

    E’ un personaggio molto popolare per chiunque abbia studiato nelle accademie di Scientology fino a pochi anni fa, prima che diventassero dei ‘gruppi di lettura’ libri quali sono oggi, dato i numerosi film tecnici nei quali ha lavorato. E credo che in molti ricordino il suo volto con simpatia e ammirazione. Anche a me, in questa intervista, comunica una grande stabilità e serenità.

    Avrei anche io davvero tante domande, ma una in particolare, che ha suggerito lui stesso di porre, mi incuriosisce: e cioè vorrei sapere in che modo e con che sequenza avveniva la effettiva compilazione (o ri-compilazione) dei materiali di LRH da parte di RTRC , in particolare i suoi HCOB… questo secondo me è importante saperlo dato che, come purtroppo abbiamo visto, la ‘Chiesa’ specie negli ultimi anni è tutt’altro che immune da alterazioni tecniche.

    Inoltre, una cosa un po’ più specifica: sono molto interessato a sapere cosa lui pensa sia successo effettivamente alla consegna dei gradi, oggi venduti a Flag con il ‘pacchetto speciale’ e la promessa di una ‘velocità mai vista prima…’. Evito di dilungarmi nell’ovvia constatazione di quanto tutto questo mi ricordi qualcosa di LRH in merito alle degradazioni tecniche. Qual’è la verità secondo te Dan?

    Grazie MaxZini del bel contributo

    ciao a tutti

  4. 28 agosto 2010 10:38 PM

    Vorrei chiedere a Dan Koon:
    Quali sono tutte le eventuali alterazioni dei materiali (tech e policy) che sono ancora in vigore e che tu conosci ?

    Hai dettagli sul come sarebbero andate queste cose? Cioè chi avrebbe emesso o eseguito gli ordini e le motivazioni di ciò ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...